Garbatella, approvata targa Alberto Sordi

targa alberto sordi



Del Maestro Alberto Sordi pochi sanno tre cose: che in realtà era un uomo estremamente generoso, che quell’uomo ha vissuto i suoi anni formativi da adolescente sino ai primi esordi della carriera artistica a La Garbatella, che il suo Centenario coincide con quello della fondazione urbanistica delle vie in cui è cresciuto e s’è formato come uomo.

Si dice che non ne parlò mai ma come teneva gelosamente al suo privato lo celebrò nel modo a lui più caro ambientando “Mamma Mia che impressione” all’Oratorio San Filippo Neri dove Don Isido’ altri non era che Padre Daelli della Congregazione San Filippo Neri poi riconosciuto insieme a Padre Melani “Giusti fra le Nazioni” per i salvataggi delle molte famiglie ebraiche del quartiere.

Il nome del personaggio era la citazione in onore della “Chiesoletta” riadattata nel 1818 con interventi del Valadier su fondamenta di una cappella rurale il cui casale risale al XVI secolo e dedicata ai Santi Isidoro santo contadino e Eurosia protettrice dalla grandine a cui è tuttora annesso l’Oratorio realizzato dalla pre esistente vaccheria. il 15 Giugno alle ore 11.00 in via Vector Fausto 34 alla presenza della Fondazione Alberto Sordi, della Fondazione Museo Alberto Sordi e dell’Associazione Alberto Sordi Onlus verrà apposta una targa commemorativa alla casa in cui visse, racconteremo del ragazzo e del giovane uomo Alberto Sordi con testimonianze di chi ancora ricorda lui e la famiglia.

Non poteva mancare la Banda del Corpo di Polizia Municipale che dedicherà il suo ricco repertorio delle colonne sonore dei maggiori film del Maestro. 10 Giugno alle ore 17.30 all’esterno dell’Oratorio in via delle SetteChiese 101 le realtà fondate dal Maestro racconteranno le missioni filantropiche a cui sono dedicate, e Roma Care porterà il suo saluto. L’associazione I.T.A.C.A. esporrà foto storiche de La Garbatella tratte dalla collezione I Ricordi nel Cassetto che oggi conta oltre 2000 testimonianze fotografiche dagli anni ’20 sino agli anni ’70 grazie alla partecipazione delle famiglie del quartiere e alla lungimiranza dei Padri Filippini che intuirono nella conservazione della testimonianza fotografica dell’azione pastorale quotidiana lo scorrere delle trasformazioni culturali e sociali. Con un anno di ritardo dal loro Centenario il Maestro e le vie della sua gioventù si reincontrano, raccomandando che la Memoria non è fatta di rimpianti ma di insegnamenti per il futuro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.