Scanzi: “Siamo un paese senza speranza, saturo di cattiveria, ignoranza e deficienza”

massimo galli



Così Andrea Scanzi sulla sua pagina Facebook:

Ieri, dopo due settimane, Massimo Galli è tornato in tivù. Era a Cartabianca. Qualcuno ovviamente lo aspettava al varco.
Prima è stato Bruno Vespa a definirlo “il Davigo dei virologi”, e detto da lui non era certo un complimento. Poi è arrivato quel che resta del Cazzaro Verde, Salvini, che lo ha orrendamente paragonato allo iettatore di Non ci resta che piangere per poi sostenere che, fosse stato per Galli, oggi non avremmo aperti i bar e i ristoranti.
Come quasi sempre capita in questo paese bello ma irrecuperabile, gli eroi diventano per molti di colpo coglioni, o addirittura “colpevoli”. E tanti pecoroni credono a queste narrazioni false, indecenti e assai interessate.

Imbecilli patentati

Ovviamente, a dileggiare e insultare adesso Galli, sono quasi sempre gli stessi imbecilli patentati che un’estate fa plaudivano Salvini perché faceva assembramenti e non metteva mascherine, o erano d’accordo con Briatore e Santanché perché volevano aprire belli garruli le discoteche dentro una pandemia.
Galli sta facendo da mesi un lavoro egregio. Ci ha spesso aperto gli occhi. Ci ha fornito informazioni preziose e salvifiche. Dove diavolo è finita la riconoscenza in questo paese?
Dovremmo fargli una statua equestre, e invece ora i soliti fenomeni, ora per motivazioni meramente di comodo (cioè economiche) e ora perché casi umani neuronalmente dissestati, lo criminalizzano. Tutto questo è schifoso e vomitevole.
Siam sempre lì: la colpa per molti non è della febbre ma del termometro, e quando la febbre non c’è più (anche se in realtà c’è ancora) mandano a quel paese il medico. Follia mentale pura.
Siamo un paese senza speranza, saturo di cattiveria, ignoranza e deficienza. In questo modo, e con questa gente, non ne usciremo mai.

var url177938 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=177938”;
var snippet177938 = httpGetSync(url177938);
document.write(snippet177938);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21615 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.