Bartoletti: “Ai medici di base poche dosi”

Pier Luigi Bartoletti



Pier Luigi Bartoletti, vicesegretario Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale) è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

Sulle richieste di certificazione da parte delle persone fragili per fare il vaccino

“Abbiamo delle richieste di certificazione, ma noi certifichiamo le malattie che ci sono –ha affermato Bartoletti-. Le regole non le facciamo noi, noi possiamo certificare le malattie in atto, ma non prescrivere un vaccino piuttosto che un altro.

In questo momento c’è un vaccino che non è acquistabile da nessuno, la somministrazione è statalizzata e regolata da precise regole. Molte persone, anche se hanno condizioni di fragilità, non sono indicate dagli elenchi”.

Sulle vaccinazioni fatte dai medici di base

“Dipende molto dalla distribuzione dei vaccini. Nel Lazio siamo in una situazione in cui dipende tutto dalle asl, alcune asl le hanno date ai medici di famiglie, altre meno. Io ho avuto 5 fiale di Pfizer e 2 di Astrazeneca in un mese, ma so che altri ne hanno avuti ancora meno.

La vaccinazione si è sempre svolta quasi esclusivamente sul territorio, ora sono soprattutto gli ospedali a farli. Sono stati fatti annunci sul potenziamento della medicina del territorio, ma dopo un anno siamo sempre allo stesso punto, se qualcosa è cambiato è perché noi ci siamo attrezzati da soli”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.