Padova, buoni spesa per persone e nuclei familiari in situazione disagiata



Il 23 dicembre è il giorno in cui si potrà iniziare a fare domanda per poter ricevere i buoni spesa, finanziati dal Governo con un totale di € 1.113.694,11.

Si potranno richiedere online, attraverso la piattaforma CGMoving, messa a disposizione gratuitamente per tutti i Comuni per la raccolta delle domande da parte dei cittadini e l’erogazione dei buoni spesa e si accederà direttamente dal sito istituzionale Padovanet, dove si troveranno anche tutte le informazioni.

E’ già partita la procedura, tramite apposita manifestazione d’interesse, per individuare gli esercizi commerciali presso i quali i beneficiari dei buoni spesa potranno acquistare i beni di prima necessità.

Situazione disagiata

Ricordiamo che i destinatari del provvedimento, ovvero i beneficiari dei buoni spesa, sono le persone che, in virtù di una situazione economica disagiata, si trovino nella seguente situazione:

nucleo familiare di appartenenza con un patrimonio mobiliare non superiore a euro 5.000,00 e privo di titoli mobiliari o di Stato, obbligazioni, buoni fruttiferi, investimenti finanziari o similari;
non beneficiare di ammortizzatori sociali;
non essere titolari di pensione o di altre rendite;
non beneficiare in misura sufficiente di Reddito di cittadinanza, Reddito di inclusione attiva o altri sostegni e contributi comunali;
L’ammontare del buono spesa sarà di:

€ 100, per 1 componente della famiglia anagrafica;
€ 200, per 2 componenti della famiglia anagrafica;
€ 300, per 3 componenti della famiglia anagrafica;
€ 400, per 4 o più componenti della famiglia anagrafica;
erogato una tantum ed in un’unica soluzione per ciascun nucleo familiare.
Dichiara l’assessora al sociale Marta Nalin: “Abbiamo avuto un fisiologico ritardo dovuto alla gestione informatica della distribuzione. A differenza della prima ondata, quando abbiamo consegnato i buoni cartacei attraverso il centralino, abbiamo scelto di procedere in questo modo nonostante tempistiche più lunghe per il semplice fatto che è una modalità più efficiente sia per i nostri uffici che per i cittadini. Inoltre permette di svolgere le verifiche necessarie con più rapidità e precisione.

Con questo milione di euro riusciremo a dare i buoni spesa a migliaia di nuclei familiari e ricordiamo che in particolare sono i giovani i più colpiti da questa crisi, per questo abbiamo deciso di dare la precedenza alle giovani coppie e ai nuclei monoparentali.”

In questo momento sono molti i soggetti che, data la situazione emergenziale, compiono gesti di solidarietà in favore delle persone che ne hanno bisogno.

Tra questi la ditta Autotrasporti & Spedizioni Barone Spa, che ha donato al Comune di Padova buoni spesa per le famiglie che si trovano in situazione di difficoltà socio-economica, chiedendo ai Servizi Sociali di individuare i soggetti più indicati a riceverli.

Si è deciso di procedere attraverso gli assistenti sociali attivi nei Cst, che avranno il compito di individuare soggetti più fragili nei quartieri cittadini cui donare i buoni.

Aggiunge in merito l’assessora Marta Nalin: “Ringraziamo sentitamente la ditta Autotrasporti & Spedizioni Barone Spa per la generosità e la concreta attenzione nei confronti dei cittadini di Padova più fragili e maggiormente esposti anche a seguito dell’emergenza sanitaria in corso. Sono gesti importantissimi in questo momento, che mostrano una comunità veramente unita.”

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20482 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.