Ostia Antica, Ecoitaliasolidale: “Degrado e rifiuti, impatto ambientale non quantificabile”

Ostia Antica



“Ci rammarica e addolora chiamare “entroterra” un gioiello prezioso come Ostia Antica, con il suo Borgo, gli Scavi Archeologici, le sue splendide strade poderali all’interno della Riserva Statale, il totale abbandono ed indifferenza di un quartiere, Saline, relegato a dormitorio, ma di grande supporto economico all’intero indotto che coinvolge la filiera commerciale di Ostia Antica”

Nulla di nuovo nel raccontare il degrado

Nulla di nuovo nel raccontare il degrado rifiuti in via Capo due Rami e nelle vie poderali all’interno della Riserva Statale del Litorale. Il non quantificabile impatto ambientale della nuova costruzione, in via dei Romagnoli, assolutamente fuori dei canoni architettonici dell’ambiente circostante. L’assoluta indifferenza per la manutenzione e la pulizia all’interno del Borgo, e dell’area circostante, gioiello inconfutabile di storia e architettura, con il suo lastricato in sanpietrini, di Piazza della Rocca che sta lentamente cedendo in un lento ma inarrestabile cammino di usura e di assoluta indifferenza istituzionale.

Via del Collettore Primario, con la sua pista ciclabile in lento e graduale disfacimento e con i suoi ponticelli in legno, unico collegamento pedonale con il quartiere Saline, in totale abbandono, a rischio cedimento e pericolo per i tanti passanti che ne usufruiscono.

Le associazioni, il CdQ locale in sinergia con Ecoitaliasolidale X Municipio, chiedono un maggiore interesse per un gioiello unico come Ostia Antica e per il quartiere Saline, polmone economico dell’intero quadrante di questo angolo “dell’entroterra” del X Municipio

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.