Scanzi: “Ogni tanto questo paese si lascia rincoglionire dal politicamente corretto”

scanzi



Così Andrea Scanzi sulla sua pagina Facebook:

Ogni tanto questo paese si lascia rincoglionire dal politicamente corretto. Ora è la volta della statua “da rimuovere” di Montanelli. Un’idea di una deficienza totale, pari forse solo a quella di oscurare Via col vento per razzismo. Montanelli ha fatto cose sbagliate? Sì, più di una, e alcune tra queste (da giovane) assai sgradevoli. Fu disintegrato o no da Elvira Banotti, nel celebre programma di Gianni Bisiach “L’ora della verità” mandato in onda dalla Rai nel ‘72?

Certo che fu disintegrato

Fu schifoso sentirlo affermare, intervistato da Enzo Biagi, che la sua “moglie” dodicenne etiope era “un animalino docile, me la comprò il mio sottufficiale insieme a un cavallo e un fucile, in tutto 500 lire”? Certo che fu schifoso. Ma questo nulla toglie alla sua smisurata grandezza di giornalista. E le statue sono per questo: per ricordare l’arte di quell’uomo, non necessariamente la bellezza della persona. Se dovessimo buttare giù tutte le statue di quelli che, in privato, nascondevano scheletri o spigoli irricevibili, dovremmo fare una strage di monumenti. Dovremmo bruciare i libri di Céline (simpatizzò col nazismo), i quadri di Caravaggio (era un assassino), le canzoni di De André (ebbe grossi problemi di alcolismo e non fu sempre un marito/padre facile). Tutto questo può ferire, ma è irrilevante ai fini della grandezza artistica di questo o quel personaggio. Come diceva Carmelo Bene, “disquisire della vita privata equivale alla privazione della vita”. Se non ci siamo arrivati neanche nel 2020, allora siamo proprio alla canna del gas.

(La foto è di un anno fa. Io, a trovare Indro, vado spesso. E continuerò a farlo)

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21890 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.