Scanzi: “Il dolore degli animali mi arriva dritto al cuore”

scanzi



Così Andrea Scanzi sulla sua pagina Facebook:

Fatico a scrivere questo post, perché sono costruito “male”: il dolore degli animali mi arriva dritto al cuore. Un mio amico dell’Università, Francesco Cortonesi, ha una pagina in cui ogni giorno racconta storie sul mondo degli animali. E sono quasi sempre storie tremende, dominate dal sadismo gratuito di troppi umani. Di Francesco ammiro, e condivido, le lotte animaliste e antispeciste. La penso come lui. Non sono mai riuscito a pensare che la vita di un cane (per dirne uno) valga a prescindere meno della vita di un essere umano. Sono fatto così. E mi do pure ragione da solo, se penso che tra un cane e un Gasparri non avrei certo dubbi su chi scegliere.

La storia dell’elefante ucciso la conoscerete ormai tutti

E purtroppo è “solo” una delle tante. Questa foto la ritrae prima di morire. Era incinta. Le hanno dato un ananas pieno di petardi. O forse ha mangiato un’esca per cinghiali, ma per me cambia poco. Ha cercato l’acqua per lenire il dolore alla bocca, e poi è morta. E il cucciolo con lei. Quanto si deve essere carogne per fare una cosa simile? Quanto devi essere cattivo, sadico e idiota? Vi auguro, un giorno non lontano, di ricevere un contrappasso adeguato.
E intanto piango, e non me ne vergogno.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22651 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.