Meno Italia, più Europa. La rivoluzione di Sarri

Meno Italia



La Juventus in campionato ha fatto avvicinare Inter e Lazio: la testa, forse, è tutta verso la Champions League?

Era il giugno del 2019. Si preannunciava un’estate calda, afosa, ingestibile. Si preannunciava un’estate di cambiamenti e di rivoluzioni. Tipo quella che avrebbe portato Maurizio Sarri sulla panchina della Juventus.

Giacca e cravatta al posto della tuta, niente sigaretta o mozziconi in bocca, in conferenza stampa niente parolacce. E poi obiettivi, programmi, vittorie. “L’obiettivo è vincere la Champions League, ma in Europa ci sono otto nove squadre con la stessa forza“. Con queste parole Maurizio Sarri si era presentato al pubblico bianconero. Il bel gioco, l’estetismo, la fantasia finalmente al potere. La squadra di Cristiano Ronaldo, i cui sogni di gloria si erano andati a infrangere contro il talento e la classe dei ragazzini dell’Ajax, cambiava pelle per vincere: non basta dominare, bisogna anche incantare.

Tra quelle parole e il presente c’è un’estate di acquisti, un settembre e un ottobre di rodaggio, dei mesi autunnali e invernali in cui la macchina juventina ha cambiato pelle. Sul fronte interno, innanzitutto, dove non sembra più la schiacciasassi di una volta. Lo dimostra un campionato apertissimo, che se da un lato vede l’ex amore di Sarri, il Napoli, lontano anni luce, dall’altro vede una Lazio e un Inter agguerritissimi, a distanza ravvicinata, pronti sferrare l’attacco decisivo nel girone di ritorno. Ecco perché l’Europa, quest’anno più che mai, sembra essere l’obiettivo primario.

La fase a gironi è andata liscia, proprio come doveva andare. In sei partite la Juventus ha registrato cinque vittorie e un pareggio, in un gruppo, il D, che vantava Lokomotiv Mosca, Bayer Leverkusen e Atletico Madrid. Miglior attacco, con 12 centri, e miglior difesa, con appena 4 gol subiti. L’urna di Nyon, poi, è stata particolarmente benevola, facendo uscire come avversaria ai prossimi ottavi di finale, in programma il 26 febbraio, l’abbordabile Lione. A far ben sperare i tifosi bianconeri sono soprattutto i dati degli ultimi scontri: nelle cinque più recenti sfide con i transalpini il parziale recita 4 vittorie italiane e un pareggio, nel 2016.

Certo, la vittoria finale della Juventus in Champions è quotata a 10.00, meno del Real Madrid (piazzato a 15.00) ma comunque più di Paris Saint Germain e Bayern Monaco (messi in lavagna a 8.00). Il podio è invece diviso tra Spagna, con il Barcellona campione d’Europa che viene pagato 6.50 volte la posta, e il Manchester City e il Liverpool strafavoriti a 5.00.

Se mi chiedi poi a me una favorita per la Champions, così al volo, risponderei il Citydiceva a dicembre Maurizio Sarri – perché ho l’impressione di una squadra di altissimo livello che ha la testa più su questa competizione che sulla Premier”. Proprio come la sua Juventus. E allora non può essere un caso.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 13767 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.