Papa Francesco: “I Magi, cuori nostalgici di Dio”



Il chiarore di una luce tenue per la Luce del mondo; un bambino che è la tenerezza di Dio; i Magi che vivono con il cuore inquieto, pronti ad abbandonare le certezze, a mettersi in cammino perché aperti alla novità. Nelle omelie pronunciate in occasione dell’Epifania, Papa Francesco ci prende per mano, facendoci scoprire il valore della scelta dei Magi che definisce “saggi compagni di strada” e il cui esempio “ci aiuta ad alzare lo sguardo verso la stella e a seguire i grandi desideri del nostro cuore”.

I Magi, custodi della fede
“La stella apparsa in cielo accende” nel cuore dei Magi – sottolinea Francesco nell’omelia della prima Messa celebrata nella Solennità dell’Epifania, nel 2014 – “una luce che li muove alla ricerca della grande Luce di Cristo”. Il Papa ricorda che è “la santa furbizia”, quella degli stessi Magi, che ci guida nel cammino della fede, che “non ci fa cadere nelle insidie delle tenebre” e che ci insegna “come difenderci dall’oscurità che cerca di avvolgere la nostra vita”.

In questo tempo è tanto importante questo: custodire la fede. Bisogna andare oltre, oltre il buio, oltre il fascino delle Sirene, oltre la mondanità, oltre tante modernità che oggi ci sono, andare verso Betlemme, là dove, nella semplicità di una casa di periferia, tra una mamma e un papà pieni d’amore e di fede, risplende il Sole sorto dall’alto, il Re dell’universo.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13141 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.