Lannutti (M5S): “La manovra non la modificheremo nella maniera più assoluta”



Elio Lannutti, Senatore del M5S, è intervenuto ai microfoni della trasmissione
“L’Italia s’è desta”, condotta da Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel
Moretti, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sulla bocciatura dell’UE alla manovra

“Juncker è la metafora dell’Europa, barcolla, lo devono sorreggere –ha affermato
Lannutti-. È la metafora di un’Europa etilica dominata da piccoli funzionari,
che in questa Commissione si sentono padre eterni e vorrebbero insegnare agli
italiani come votare.

Oettinger lo disse tempo fa: i mercati insegneranno agli italiani a non votare i
populisti. Noi abbiamo fatto la manovra del popolo, che è stata scritta a Roma
e non a Bruxelles come in precedenza. A questi soloni piace tanto il mercato,
ma se non c’è reddito come si alimentano i consumi? Poi quota 100, ce le
ricordiamo le lacrime gratis della Fornero e il sangue degli italiani? Noi
dobbiamo restituire i diritti a chi ha patito, a chi ha sofferto.

I governi precedenti sono andati a baciare la pantofola di Juncker e della
Merkel e hanno messo gli italiani in un regime di austerità che aumentato
le diseguaglianze. Se Gentiloni e Renzi sono andati in Europa a prostrarsi,
noi non ci andiamo in più col cappello in mano”.

Correttivi alla manovra

“Se dovessi fare correttivi altro che 2,4%, io farei il 3% -ha dichiarato Lannutti-. Questa Europa non va bene, bisogna rivederla. Noi rispettiamo l’Europa, ma non questi piccoli burocrati. Mi dispiace per tanti politici dalla memoria corta. Nel 2011 feci una denuncia contro le agenzie di rating. Ma quando lo spread veniva utilizzato dai brigatisti della finanza contro Berlusconi non andava bene, se oggi viene utilizzato contro il governo del popolo allora va bene e fanno il tifo per lo spread. La manovra la scriviamo noi e non la modificheremo nella maniera più assoluta”.

Rischi per i risparmi privati?

“Con noi non si scherza e lo dimostreremo –ha affermato Lannutti-. Se questi signori delle banche faranno i furbetti gli taglieremo le unghie. Hanno avuto 15 decreti a favore delle banche a spese nostre. Le banche le hanno fatte saltare i cosiddetti ‘capaci’. La pezza ce la stiamo mettendo noi. Il ministro Savona era presidente del fondo di garanzia e tutela dei depositi bancari. Prima della direttiva sul bail-in andò a Bruxelles a dire: noi siamo un popolo di formichine, questa cosa per noi sarà un disastro. E chi l’aveva approvato il bail-in? Il governo dei capaci e Bankitalia. Per quelle dichiarazioni Savona venne fatto fuori dal fondo di garanzia e tutela dei depositi bancari. Bankitalia va nazionalizzata. Non è possibile che sia un spa, dove ci sono le banche che hanno le azioni. Noi lavoreremo per questo. Rifaremo la Commissione d’inchiesta sulle banche per accertare le responsabilità di chi ha guardato dall’altra parte e non ha mai pagato il conto.

Il gesto del leghista Ciocca contro Moscovici?

“Io non l’avrei fatto però non condanno il suo gesto” ha affermato Lannutti.

 

Fonte Radio Cusano Campus

 
Il Tabloid Network
Gruppo Pubblico · 158 membri
Iscriviti al gruppo
In questo gruppo potrai leggere gli articoli dei vari web magazine del network Il Tabloid.
 
Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.