Cerveteri – Tombaroli in azione nella Necropoli della Banditaccia



Di sicuro i goffi tombaroli che si sono addentrati nella Necropoli della Banditaccia, la notte tra giovedì e venerdì, sono stati aiutati dalla scarsa vigilanza del sito archeologico. L’unica telecamera di sicurezza ha registrato un filmato degno de “Le comiche”. I due malviventi, dotati di passamontagna, sono entrati nel cortile dove si trovava la sfinge, hanno provato ad alzarla a mani nude, ma invano. A quel punto se ne sono andati, per poi tornare con un terzo complice ed un… carrello. In tre hanno sollevato la statua, del peso di oltre un quintale e mezzo, l’hanno posizionata sul carrello e si sono dileguati nella notte attraverso un buco nella recinzione.

La statua trafugata, rappresentante una sfinge dal busto alato, priva però della testa, era alta poco più di un metro, databile al primo periodo etrusco, ed era stata ritrovata 40 anni fa durante gli scavi nella zona di Greppe Sant’Angelo e da allora era custode della postazione dei vigilanti.
Il furto è stato scoperto solo venerdì mattina, quando all’apertura i custodi non l’hanno più trovata. La Soprintendenza per l’Etruria meridionale ha presentato denuncia contro ignoti ai Carabinieri. Di sicuro questo è stato un furto su commissione e la statua è destinata a qualche collezione privata in Italia o all’estero.
Questo ennesimo furto mette in luce un grosso problema di fondo nella necropoli di Cerveteri, per sorvegliare oltre 10 ettari di parco archeologico c’è carenza di personale, come hanno dichiarato più di una volta i sorveglianti. A queste voci, si unisce il coro delle organizzazioni sindacali, che più e più volte hanno denunciato questa grave situazione, il personale che deve gestire il Museo Nazionale Caerite (centro città) e la Banditaccia (in periferia), conta al massimo tre unità che lavorano in contemporanea di giorno. Mentre durante la notte, la situazione diventa ancora più problematica, sono solo due i custodi a guardia del sito, e possono limitarsi solo a chiamare le forze dell’ordine in caso di necessità, poichè non hanno la strumentazione necessaria per poter intervenire.
Ricordiamo che in quest giorni si celebra il decennale della nomina della Necropoli a “Patrimonio dell’Umanità” dall’ Unesco, con un percorso tematico nel Museo Nazionale Caerite, che ha come protagonista la celebre coppa di Eufronio.
Amareggiate le dichiarazioni del Sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci, quando ha annunciato il furto, “Siamo addoloratissimi e stigmatizziamo il comportamento di questi malviventi che, per il proprio tornaconto personale, forse nemmeno si rendono conto di aver causato un danno inestimabile a Cerveteri e alla nostra comunità. Mi auguro che le Forze dell’Ordine recuperino al più presto quanto sottratto e assicurino questi balordi alla Giustizia. In un momento come questo, in cui stiamo facendo un enorme sforzo per riportare a Cerveteri i capolavori etruschi profugati, qualcuno ci danneggia rubando i simboli e la ricchezza della nostra terra“.
Anche il Direttore della Necropoli della Banditaccia, Rita Cosentino, ha rilasciato una dichiarazione: “È comparso sulla Stampa – ha spiegato   – un articolo che riferisce del recente furto corredato dalla foto di una Sfinge che viene erroneamente riferita al manufatto trafugato. Atti di questo genere vanificano gli sforzi che la Soprintendenza, in piena collaborazione con l’Amministrazione Comunale, sta compiendo per la valorizzazione del sito Unesco della Banditaccia di Cerveteri e per la crescita culturale ed economica della comunità ceretana. In un momento in cui l’antica Caere è sotto i riflettori nazionali e internazionali per la Mostra realizzata con il Louvre nel Palazzo delle Esposizioni a Roma, e per l’eccezionale presenza nel Museo di Cerveteri della Coppa di Eufonio, trafugata e poi restituita all’Italia, questo atto criminale rappresenta uno sfregio nei confronti di tutta la cittadinanza. Da parte nostra, ci impegneremo sempre più per rafforzare il senso di appartenenza del patrimonio archeologico alla comunità locale, affinché questa custodisca e valorizzi insieme a noi le testimonianze delle proprie origini. La Soprintendenza, inoltre, sta lavorando per rafforzare la sicurezza del sito insieme alle Forze dell’Ordine”.
“Ciò che è successo non fa che sottolineare, ancora una volta, ciò che noi ripetiamo da anni e anni, ovvero che c’è reale bisogno di una maggiore attenzione da parte dello Stato e del Ministero dei Beni Culturali sul nostro Sito Unesco, e soprattutto, di investimenti che assicurino il decoro e soprattutto la sicurezza dell’area archeologica. Abbiamo ribadito più volte che nel nostro territorio c’è bisogno di maggiore presenza delle Forze dell’Ordine. Come Comune abbiamo predisposto e finanziato progetti per l’installazione di impianti di videosorveglianza sia nei pressi della Necropoli della Banditaccia che in varie altre zone del territorio comunale. Sappiamo però che le telecamere possono essere un aiuto, ma non la soluzione. Ci auguriamo che non accada mai più, ripeto mai più, qualcosa di simile e che lo Stato comprenda una volta per tutte che non può lasciare i Comuni, o le Soprintendenze, da soli a gestire e proteggere il patrimonio culturale italiano”.
Speriamo che si trovi presto una soluzione per salvaguardare un sito che si trova in quella privilegiata lista che è il “patrimonio dell’Umanità”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.