Prestiti NoiPa 2017: finanziamenti agevolati per gli insegnanti

Sono stati confermati i prestiti NoiPa anche per il 2017, mirati a sostenere tutto il comparto dei dipendenti della Pubblica Amministrazione che lavorano nell’ambito della scuola, dai docenti agli impiegati amministrativi.




Sotto un certo profilo la notizia potrebbe sembrare non particolarmente innovativa, poiché, in fondo, si tratta di prestiti Inpdap, ovvero quei finanziamenti rivolti ai dipendenti pubblici, i quali fino al 2011 erano gestiti dall’Istituto Nazionale per la Previdenza dei Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica  INPDAP, per l’appunto e sono confluiti dal primo gennaio del 2012, grazie alla Finanziaria del Governo del 2011, nelle casse dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, noto ai più con l’acronimo INPS.

Va detto che i dipendenti della Pubblica Amministrazione hanno sempre potuto godere di un occhio di riguardo per ottenere prestiti personali, soprattutto quando si trattava di cessioni del quinto o prestiti delega. Per chi non lo sapesse questi sono particolari forme di finanziamento che prevedono l’addebito automatico della rata sullo stipendio e diventano particolarmente facili da ottenere perché vengono garantiti dal datore di lavoro, il quale si impegna a versare il dovuto all’istituto di credito erogante. Va da sé che nel caso di dipendenti pubblici, che si trovano ad avere come “datore di lavoro” la Pubblica Amministrazione in persona, la strada si fa ancora più agevole.

Questa la prassi generale.

E, allora, cos’hanno di diverso i prestiti NoiPa di cui abbiamo accennato all’inizio? Tanto per cominciare che sono dedicati a determinati dipendenti pubblici, ovvero a coloro che lavorano nel mondo della scuola, e, in seconda istanza, che sono particolarmente convenienti e facili da ottenere.

Partiamo dai tassi estremamente convenienti, in quanto frutto di particolari accordi tra gli istituti di credito e la Pubblica Amministrazione, accordi in qualche modo “imposti” dallo stesso MEF, ovvero il Ministero dell’Economia e delle Finanze. E già questa è una qualità da non sottovalutare.

In questo caso, però, la vera novità che ci preme segnalare è un’altra e consiste nella procedura per poter ottenere il finanziamento, che diventa davvero una “sciocchezza”. Dimentichiamo quindi tutti i controlli ai vari SIC, Sistemi di Informazione Creditizia, e le varie eventuali gogne a cui si viene sottoposti quando non si ha una reputazione creditizia specchiata, a volte perché magari si sono pagate in ritardo delle rate di un prestito sottoscritto anni prima.

Qui infatti la procedura è molto più semplice, per non dire banale. Basta accreditarsi e creare, nel caso già non si avesse, un account sul sito predisposto direttamente dal Governo, immettendo i dati fondamentali, quali nome, cognome, codice fiscale e numero di telefono. Ciò consente di avere accesso non solo alla richiesta via Web del piccolo prestito NoiPa, che viene concesso in tempi brevi se sussistono le condizioni finanziarie sufficienti, ma anche a tutta la propria situazione fiscale e professionale.

Una panoramica completa, con tanto di cedolini dello stipendio, ferie maturate, eventuale previdenza complementare e tante altre funzionalità utili per gestire facilmente le proprie finanze e i diritti economici conquistati con il proprio lavoro quotidiano.

Un’opportunità che merita di essere sottolineata, in questi tempi che la relazione tra contribuente e la Pubblica Amministrazione non è sempre idilliaca.