Salvini: “Torino? Sindaco, questore e prefetto non sono in grado di fare il proprio mestiere”

Matteo Salvini è intervenuto questa mattina ai microfoni di Ecg, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano.




Salvini su quanto accaduto a Torino: “Quello che è successo dimostra che Sindaco, Questore e Prefetto non sono in grado di fare il proprio mestiere. Non puoi avere una piazza con trentamila persone stipate, centinaia di venditori abusivi di bottiglie di vetro, mancanza di uscite di sicurezza. Qualcuno oltre che a chiedere scusa dovrebbe trarre le conseguenze di un potenziale e fortunatamente mancato disastro. Questo qualcuno si chiama sindaco, questore e prefetto. Abbiamo rischiato la strage, quando non ci fanno gli attentati riusciamo ad autocostruirceli per incapacità e ottusità. I presunti autori della bravata? Andrebbero puniti e rieducati, però non puoi lasciare in mano a cinque imbecilli il destino di migliaia di persone. Quella gente in quella piazza in quelle condizioni di insicurezza totale non ci doveva essere”.

Su quanto accaduto a Londra: “Quante altre stragi dobbiamo aspettarci perché il quando è troppo è troppo si trasformi in controlli e rigore a concedere case, lavoro e diritto di voto? Il Pd sta accelerando per lo ius soli in prospettiva delle elezioni, è una cosa folle, la cittadinanza non può essere un biglietto di un luna park. La maggioranza dei governanti in Europa ha la coscienza. sporca. Il premier britannico dovrebbe pensarci prima, non dopo”.

Sul rapporto con Berlusconi: “Lavoro per avere un centrodestra unitario alternativo a Renzi. Ho fatto un centinaio di incontri in questi ultimi giorni, ascoltando tantissima gente. Spero che anche Berlusconi venga a girare qualche piazza”.

Sul programma: “Non sarà facile fare determinate cose, ma non lo ritengo impossibile. Dobbiamo fare una legge normale sulla legittima difesa, dobbiamo cancellare la legge Fornero, una flat tax al 15%, sicuramente troveremo ostacoli e resistenze. Sull’immigrazione non vedo l’ora di avere responsabilità di governo per riportare indietro ogni barcone, arrestare ogni scafista, controllare ed eventualmente chiudere ogni Moschea”.

Sulla legge elettorale: “Ho il dubbio che Grillo non voglia vincere le elezioni. Chi voleva vincere queste elezioni doveva sostenere una proposta di legge elettorale maggioritaria, dove la domenica del voto chi vince vince e chi perde perde. Il proporzionale lascia il piede in sei scarpe. Noi non stiamo lì a far barricate, ma chi voleva un vincitore chiaro doveva sostenere il maggioritario. L’importante, comunque, è andare a votare il prima possibile”.

Su Alfano: “Non arriva al cinque percento nemmeno dopo una notte intera passata attaccato al caricabatterie del cellulare. Gli italiani faranno a meno di avere Angelino Alfano in Parlamento, è una buona notizia per tutti”.

Campagna elettorale al mare: “Sono pronto a farla, se la gente si allontana dalla politica è la politica che si deve avvicinare alle persone, magari rubandogli un quarto d’ora di tempo in una giornata di relax”.

Sulla finale di Champions: “Non godo delle sconfitte altrui, anche se da milanista mi rimane quello e poco altro. Ho goduto che l’Inter sia arrivata un punto dietro al Milan, la finale di Champions l’ho intravista, ero agnostico, non mi interessava più di tanto”.
Sul mercato del Milan: “Non si capisce nulla, da tifoso non ho ancora capito chi sia il mio presidente. Vedremo, se cederanno Donnarumma sarà un ammissione di debolezza. Se vuoi costruire una squadra forte, il più forte non lo vendi”.

AUDIO http://www.tag24.it/podcast/matteo-salvini-terrorismo/