3 dicembre 2016

Arriva sul grande schermo 2night di Ivan Silvestrini

Durante una notte due giovani sconosciuti si attraggono in una discoteca di Roma. Nelle loro intenzioni solo sesso, come tante altre volte. Ma c’è traffico di venerdì notte, e in macchina verso l’abitazione di lei, la conversazione si allunga e passa attraverso diversi stati emotivi.

Dapprima diffidente, diviene poi provocatoria, spregiudicata e a poco a poco le maschere cadono, scoprendo un’intimità che li costringerà a cambiare il loro programma.

SINOSSI
È un venerdì notte a Roma. Il tempo è mite e il popolo della notte è pronto a uscire e a divertirsi. La città si anima e si colora dei neon dei locali, dei fari delle macchine, delle luci che illuminano i più importanti monumenti. In un locale di uno dei quartieri più vivi della città, due sconosciuti s’incontrano. Entrambi hanno circa trent’anni, sono soli e in cerca di qualcuno con cui passare la serata e forse, chissà, anche la notte. Lei chiede un passaggio e lui accetta di accompagnarla in macchina fino all’altro capo della città. Eccoli insieme che si fanno largo attraverso la notte.

Lei è il prototipo della ragazza consapevole e autonoma, decisa, in questa serata che anticipa l’estate, a regalarsi una notte di sesso con uno sconosciuto, per poi, domani, continuare, più forte e sicura di sé, la sua vita senza legami. Lui sembra incarnare il trentenne di oggi, piuttosto timido, più calmo e riflessivo e con una strana inquietudine.
Per arrivare all’abitazione, i due viaggiano attraversano i diversi quartieri di Roma: da quelli più alla moda, densi di locali, ai più residenziali, al centro storico, fino ad arrivare ai quartieri più periferici. Una volta giunti nelle vicinanze di casa di lei, i due non riescono però a trovare parcheggio. Più il tempo che sono costretti a trascorrere in macchina e a conversare si dilata, più il destino di quella notte sembra condurli in una direzione inaspettata…
Sarà una notte di solo sesso per poi scordarsi l’un l’altro appena dopo o un sentimento nascente e imprevisto cambierà i loro destini?

NOTE DI REGIA
“2night” è stato per me l’occasione di raccontare con cruda delicatezza i pensieri, i dubbi e le paure dei trentenni occidentali di oggi. Una donna e un uomo moderni che in una notte, che sembra quasi una vita intera, abbandonano le maschere e giocano la partita dei loro destini.

Una donna che non ha paura del desiderio e vive la sessualità liberamente, e un uomo che di fronte a quella che è quasi un’incarnazione delle sue fantasie, si trova privato del suo ruolo e non sa dove mettere le mani. Ci sono due persone e c’è la mia città, Roma, che diventa rappresentazione materica del loro tortuoso ma inarrestabile avvicinamento. L’architettura ha il suo ordine, rigido per quanto movimentato, e in questo scenario si muovono le due figure irregolari e liquide dei protagonisti, in un inseguimento continuo che cerca di bruciare tutte le tappe in una sola notte…e la città li sta a guardare. Entrando in quella macchina con i due protagonisti diventiamo spettatori invisibili di un’intimità, possiamo ritrovarci nell’uno o nell’altra e chiederci perché e cosa ci fa sentire coinvolti nell’avventura di questa notte, l’avventura di 2night.

NOTE DI PRODUZIONE
“2night” s’ispira all’omonimo film Israeliano diretto da Roi Werner.
Ambientato a Tel Aviv, il film racconta con forza e freschezza la realtà e la cultura di quel paese. Il film è stato girato in sole due settimane dopo un lungo periodo di prove con gli attori. Un esperimento estremamente riuscito di cinema indipendente low budget. La forza dell’idea, l’impianto produttivo semplice e la facile realizzazione, hanno spinto Controra Film, giovane realtà alla sua prima produzione, ad opzionare e poi a comprare i diritti di remake per l’Italia. Il regista Ivan Silvestrini, che attraverso film e web series racconta il mondo dei giovani e dei loro sentimenti con uno stile e uno sguardo giovane e contemporaneo, si è entusiasmato all’idea di dirigere il film.

L’adesione di attori professionisti come Matilde Gioli e Matteo Martari ha consentito a un piccolo film di suscitare l’interesse da parte di distributori e venditori. “2night” è un esperimento di film low budget realizzato in co-produzione con Jando Music e Mountflour Films, con fondi pubblici e regionali, intervenuti nella misura di “corto/mediometraggi” e con Rai Cinema che ha creduto nel progetto, pre-acquistando i diritti di antenna.
Attraverso il racconto della notte trascorsa in auto dai due protagonisti, “2night” vuole in parte anche raccontare i cambiamenti che si stanno affermando oggi giorno più all’interno delle relazioni tra uomo e donna. Sempre più spesso, infatti, la donna assume le redini del corteggiamento, senza sentirsi in dovere di attendere che sia l’uomo a compiere il primo passo.

Donne sempre più autonome, indipendenti, che hanno il coraggio di rischiare e mettersi in gioco senza paura. Di fronte a loro, uomini più titubanti, che indugiano a compiere il primo passo e a lasciarsi andare, quasi temessero di non essere all’altezza o di sembrare inopportuni.

IVAN SILVESTRINI
Ivan Silvestrini si è diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia con il cortometraggio “Avevamo vent’anni”. Negli anni seguenti ha diretto diverse Web Series (“Stuck – The Chronicles of David Rea”, “Under” e due spin-off per la serie TV “Una Grande Famiglia”). Il suo debutto sul grande schermo arriva con la commedia drammatica “Come non detto”, sulla tematica del coming out in Italia. Ha da poco finito le riprese di “Monolith”, un film di fantascienza
ambientato in America, e uscirà presto in sala il suo ultimo film, l’indie romantico “2night”.
2016 – 2NIGHT
2016 – MONOLITH
2015 – IO TRA 20 ANNI (TV mini serie)
2014 – UNDER THE SERIES (serie web)
Nastro D’Argento Web
Premio Rai Fiction per la miglior Serie
Miglior Regia al Roma Web Fest
2014 – BROKEN AT LOVE (TV serie, ep “Game, Set, Heartbreak”)
2013 – UNA GRANDE FAMIGLIA (spin-off – serie TV)
2011-2013 – STUCK: THE CHRONICLES OF DAVID REA
Miglior Serie e Miglior Sceneggiatura al Roma Web Fest
Outstanding Directing LA Web Series Festival
2012 – COME NON DETTO
2010 – AVEVAMO VENT’ANNI (cortometraggio)

MATILDE GIOLI
Matilde Gioli è una attrice italiana, nata il 2 settembre 1989 a Milano. Debutta nel cinema con il film “Il capitale umano” di Paolo Virzì; per la sua interpretazione ottiene numerosi riconoscimenti tra I quali il Premio Guglielmo Biraghi ai Nastri D’argento 2014 e il premio Alida Valli al Bari International Film Festival.

Sempre nel 2014, recita in un piccolo ruolo nella serie culto di Sky “Gomorra”. Il 2015 la vede dividersi fra diversi set: “Solo per il weekend” di Director Kobayashi, “Un posto sicuro” di Francesco Ghiaccio, “Belli di papà” di Guido Chiesa, “2night” di Ivan Silvestrini. Dopo aver finito di girare “The start up” per la regia di Alessandro D’Alatri, partecipa alle riprese dell’opera prima di Andrea Tagliaferri “Achtung Baby”.
Nel 2016 riceve il Premio Afrodite come miglior attrice emergente. Nello stesso anno sarà protagonista anche in televisione, su Rai1, con la nuova serie di Riccardo Milani “Di padre in figlia”, regista con il quale lavora anche nel film “Mamma o papà”.

CINEMA
2016 – 2NIGHT Ivan Silvestrini
2015 – BELLI DI PAPA’ Guido Chiesa
2015 – UN POSTO SICURO Francesco Ghiaccio
2014 – SOLO PER IL WEEKEND Director Kobyashi
2014 – IL CAPITALE UMANO Paolo Virzì
TELEVISIONE
2016 – DI PADRE IN FIGLIA Riccardo Milani
2014 – GOMORRA la Serie – “Il ruggito della leonessa” Francesca Comencini
PREMI
2014 – Nastro D’Argento “Premio Guglielmo Biraghi” con il film Il Capitale Umano
2014 – BARI INTERNATIONAL FILM FESTIVAL “Premio Alida Valli” per la miglior interpretazione
come attrice non protagonista per il film Il Capitale Umano

MATTEO MARTARI
Matteo Martari, sguardo magnetico, fisico scultoreo e un talento naturale per la recitazione. Con la sua singolare bellezza e la sua determinazione è riuscito a ricoprire ruoli da protagonista e grazie al suo passato da modello, a rapportarsi con disinvoltura davanti l’obiettivo della macchina fotografica e da presa. La sua carriera da attore, inizia nel 2014 sul set della serie web “Under” per la regia di Ivan Silvestrini e successivamente con Gianni Zanasi ne “La Felicità è un sistema complesso”.
Nel 2016, lo vediamo insieme a Miriam Leone, nella serie di Rai3 Non uccidere e dopo poco, nella mini serie targata Rai 1 dal titolo Luisa Spagnoli, accanto a Luisa Ranieri. Nello stesso anno, contemporaneamente alla lavorazione della quarta serie di Un Passo dal cielo e di Sotto Copertura 2, lavorerà al fianco del premio oscar Michel Hazanavicius per il film Le Redoutable.
Presto sarà al cinema come protagonista insieme a Matilde Gioli, nel film per il cinema 2Night con la regia di Ivan Silvestrini.

CINEMA
2016 – 2NIGHT Ivan Silvestrini
2014 – LA FELICITÀ È UN SISTEMA COMPLESSO Gianni Zanasi
TELEVISIONE
2015 – LUISA SPAGNOLI Lodovico Gasparini
2016 – NON UCCIDERE Giuseppe Gagliardi
2014 – UNDER THE SERIES (serie web) Ivan Silvestrini
TEATRO
2013 – YERMA, regia di Marta Salvalalio
2012 – UN ANGELO È SCESO A BARCELLONA, regia di Fernanda Calati