9 dicembre 2016

L’USI contro tutte le privatizzazioni: chiesta in Commissione Ambiente l’internalizzazione della Roma Multiservizi SPA

“Come temevamo, si è verificato lo scontro sull’ipotesi di trasformazione in azienda di primo livello, quindi interamente 100% di proprietà del Comune di Roma, di una società come la Roma Multiservizi”. Queste le parole di Serenetta Monti (dell’USI, la sigla sindacale che aveva richiesto ed ottenuto la commissione Ambiente di Roma Capitale, tenutasi ieri 4 ottobre, con audizione dell’Assessora all’Ambiente Paola Muraro ed alla presenza del Capo Segreteria della Sindaca, Salvatore Romeo). “Oggi leggiamo sul Corriere della Sera che ci sarebbe un primo scontro tra assessorA Muraro ed il neo Assessore alla partecipate, Colomban”, “ma era stata la prima domanda che ho personalmente posto al Presidente Diaco, ieri, alla luce degli articoli contrapposti di testate come Il Messaggero e Repubblica”, prosegue Monti, “quella di fare chiarezza sull’indirizzo da tenere rispetto il progetto di acquisizione delle quote “private” dell’attuale Multiservizi SPA, promosso dall’ex assessore Minenna (intervistato da Repubblica) e quanto scritto su Il Messaggero che riportava il dettato di una delibera Capitolina che, in base al Piano di Rientro, prevede, invece, la dismissione di tali quote”. “Il nostro segretario Romano, Giuseppe Martelli, aveva illustrato anni di situazioni vergognose nella Multiservizi che, come sempre sostenuto dall’USI, si possono risolvere solo “re internalizzando” i servizi ed i lavoratori, producendo così il doppio effetto di risparmio economico e garanzia dell’erogazione del servizi stesso”. Il Presidente Diaco, ieri, nella sua introduzione e l’Assessora Muraro con i suoi interventi, hanno più volte ribadito la VOLONTA’ di rendere la Multiservizi una “società di primo livello”, pertanto con pacchetto azionario di intera proprietà di Roma Capitale. Addirittura, il Presidente Diaco ha precisato:”Abbiamo delineato un indirizzo chiaro. L’istanza necessita di essere presentata in aula, ma sono convinto che se c’è la volontà le cose si fanno!”. Ed ha poi proseguito, come la stessa assessorA, ribadendo i tempi stretti legati ad eventuali contenziosi nel caso la Gara del “Global Service” non fosse sospesa “in autotutela” (come richiesto sempre dall’USI) prima della scadenza del bando” (10 novembre) . “L’USI è fiduciosa poiché è stata data, finalmente, un’indicazione precisa”, sottolinea Giuseppe Martelli, “siamo altresì consapevoli che gli approfondimenti del Decreto Madia sulle Partecipate e la sua sovrapposizione con il Piano di Rientro, richiedano la dovuta attenzione, ma vigileremo affinché non si perda altro tempo. La prossima settimana torneremo in aula consiliare per chiedere aggiornamenti, ma, ieri, un primo passo importante è stato fatto. Ora aspettiamo che l’assessore Colomban capisca gli effetti tutti positivi della re internalizzazione che, siamo certi, oltre a produrre un risparmio di spesa che si aggira intorno al 30 %, renderebbe finalmente onore a lavoratori e lavoratrici della Multiservizi, che nel tempo hanno subito anche diverse vessazioni.”.