8 dicembre 2016

Fiumicino, aeroporto: alla ricerca del parcheggio perduto

Ne parlammo qui qualche giorno fa, la situazione dei parcheggi per i dipendenti nelle aree intorno all’aeroporto di Fiumicino diventa sempre più complessa e complicata. Da quando trattammo l’argomento abbiamo ricevuto diverse segnalazioni sulla difficoltà di parcheggiare.

Per capire la situazione dobbiamo riprendere le parole che ci ha detto un lavoratore stagionale di un handling, le società che gestiscono i bagagli e l’assistenza degli aeromobili sottobordo, e che ci ha fatto capire le difficoltà sull’argomento.

Marco, il nome è puramente di fantasia ndr, di solito lavora di pomeriggio e timbra alle 14:00, viene dal quadrante tra Tuscolana e Casilina e dovrebbe essere al varco di entrata per le 13:30, orario in cui parte la navetta che lo porta al suo settore di appartenenza, da qui facendo due conti invesri, dovrebbe uscire di casa per stare tranquillo alle 12:45. In realtà non se lo può permettere perchè arrivato all’aeroporto non ha un parcheggio dipendenti dove può entrare e parcheggiare ma deve cominciare a girare come una trottola aspettando che si liberi un posto “sicuro” che non sia in divieto di sosta, che non sia multabile (altrimenti addio giornata lavorativa, ndr) che non sia a pagamento, perchè sappiamo tutti che le tariffe non sono poi così economiche, che, nel caso si trovi il posto non sia per pochi centimetri fuori dalle linee perchè ci sono state multe per un paraurti “fuori misura” aggiungendo oltre al danno la beffa.

Da qui l’anticiparsi dell’uscita da casa alle 12 e 15, a volte anche più presto, ben 1 ora e 45 prima della timbratura e, dopo aver trovato posto, fare otto ore di lavoro tornare all’auto con la paura della multa o, nel peggiore dei casi, senza trovarla a causa della rimozione forzata, un incubo che potrebbe sembrare banale ma è una forte causa di stress. Nel caso la macchina ci fosse e nessun vigile ha lasciato una multa allora per quel giorno tutto è filato liscio si mette in moto e, altri 45 minuti, e si ritorna a casa dopo 13 ore passate fuori casa.

Altre società hanno adottato un metodo differente, con parcheggi dedicati ai dipendenti ma che in realtà sono a pagamento a carico del lavoratore, detratti dalla busta paga, una “tassa aggiuntiva” a quelle che già sono applicate agli stipendi, diciamolo, non proprio da benestanti dei lavoratori aeroportuali.

Inoltre spesso le location di tale parcheggi non sono poi così comode, qualcuno ci dice che il “suo” parcheggio si trova a Cargo City vicino al Lunga Sosta e che per arrivare al varco si devono percorrere circa sei chilometri, da qui l’esigenza di prendere prima una navetta esterna che li conduca al varco stesso e che passa ogni 25 minuti e che disgraziatamente se ne perde una è quasi certo che si farà tardi al punto di timbratura.

Sembra un incubo? Forse si, per molti magari no, ma è senza dubbio un problema. C’è chi ha detto che non ci sono gli spazi, ma basta dare uno sguardo dall’alto e ottimizzando alcune strutture ormai fatiscenti si potrebbero creare centinaia di parcheggi per i lavoratori, cosa serve? La volontà di farlo!