10 dicembre 2016

Fiumicino aeroporto, il business dei parcheggi mancanti dei dipendenti aeroportuali

Anche oggi per qualche decina di lavoratori aeroportuali sarà una giornata di lavoro in perdita. Infatti come accade ormai troppo spesso i vigili urbani del Comune di Fiumicino (competenti per la zona aeroportuale) hanno fatto rimuovere con il carro attrezzi le vetture parcheggiate in modo selvaggio dai lavoratori lungo la via Francesco De Pinedo.

E dove sarebbe l’ingiustizia? Se parcheggi male la tua auto devi mettere in conto che possa essere rimossa. E invece il problema c’è, da anni, ed ultimamente in forte espansione. I lavoratori sono costretti a parcheggiare in modo selvaggio la propria vettura non per fare shopping o un’ apericena, ma per riuscire lavorare.
Si perchè i parcheggi per i dipendenti aeroportuali sono ormai diventati pochi rispetto al bacino di utenza.
Bene, si potrebbe dire, vuol dire che ci sono molti lavoratori, ma non stanno cosi le cose, purtroppo. Il precariato aeroportuale ha diverse facce, non sempre visibili ad occhi distratti, oggi per massimizzare i profitti e abbattere i costi si ricorre al turno “spezzato”, in pratica ci si ritrova ad attaccare alle 08:00, staccare alle 12:00 e poi si ritorna al lavoro dalle 15 alle 19 nella stessa giornata. Quindi i lavoratori sono costretti a contendersi i pochi posti disponibili.
Aeroporti di Roma gestisce oltre ai parcheggi per i passeggeri anche quelli per i dipendenti, ma è il “come” a fare la differenza. In particolare il PR5, che fino a poco piu’ di 10 anni fa era a due piani,  a causa di pericolo di crollo è stato tolto il secondo piano lasciando solo il piano terra, dimezzando cosi la capacità. Anche il vicino PR6 non è da meno, con piu’ posti auto dati in affitto di quelli disponibili.
Ricordiamo che molti dipendenti che non usufruiscono del rimborso del parcheggio da parte del proprio datore di lavoro si trovano a dover pagare anche oltre 60 euro al mese ad AdR, per molti di loro quasi il dieci per cento del salario mensile.
Inoltre a causa delle nuove norme antiterrorismo oggi lungo tutta la via Francesco De Pinedo non è piu’ possibile parcheggiare sul lato sinistro, lungo la rete di recinzione che delimita la zona “air side”.
Oltre a tutto ciò recentemente molti posti auto che prima erano liberi sotto la mensa ovest sempre in via De Pinedo sono stati riservati ai militari della Guardia di Finanza che prestano servizio al vicino varco 5, da dove entrano anche tutti gli altri lavoratori.
Tutto questo ha comportato secondo le stime piu’ ottimistiche circa il 50% di riduzione dei posti auto a disposizione dei dipendenti.
Fortunatamente qualche anno fa è stato bloccato il progetto di Aeroporti di Roma di dotare tutta via Francesco de Pinedo di strisce blu, ricordiamo che qui parcheggiano solo i dipendenti aeroportuali e non i passeggeri. Furono installati anche i parcometri (ancora presenti ma non attivi) per poter speculare ancora di piu’ sui lavoratori ma fortunatamente si riuscì a bloccare questa azione.
Anche a livello logistico per i lavoratori i danni sono pesanti, spesso si ritrovano a dover partire da casa due ore prima di quanto sarebbe necessario per poter arrivare lungo la via e pattugliare avanti e indietro finchè si riesce a trovare il prezioso e raro parcheggio, o ci si ritrova a dover lasciare la propria auto parcheggiata in modo pericoloso, magari in prossimità della curva.
Ma perchè lasciare cosi le cose? Chi ci guadagna? Semplice, il Comune di Fiumicino con le multe e AdR con il deposito dei mezzi rimossi, capita spesso che per poter riavere la propria vettura il dipendete debba sborsare quasi 200 euro, senza contare le circa due ore perse per riaverlo.
Eppure basterebbe costruire un multipiano anche per le vetture dei dipendenti, ma forse finirebbe il business.
Riceviamo e pubblichiamo