9 dicembre 2016

Esposito, PD: “Fertility Day? Una stronzata che ci è costata almeno 150mila euro”

Stefano Esposito, senatore del Partito Democratico, è intervenuto stamattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano, nel corso del format ECG, con Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Esposito ha detto la sua su quanto sta accadendo alla Giunta Raggi: “GuerreStellari, ci sono già le prime vittime. Se sto gongolando? No, perché purtroppo non è una partita di calcio, l’amministrazione di Roma, anche se io sto all’opposizione, è una cosa seria. Vedere questo dilettantismo, questa guerra intestina che oggi produce le prime vittime, non mi fanno piacere. Roma ha bisogno di un governo, i cittadini si sono espressi, io vorrei che questa città venisse governata. Sulla Raineri ero convinto che sarebbe andata a finire così, la supponenza della Raggi nel darle l’incarico era sbagliata. La vicenda Minenna, invece, è molto più sorprendente. A Roma i cittadini hanno eletto la Raggi ma governano la Taverna e Vignaroli. Nella vicenda stanno pesando molto la questione Atac e anche il dibattito Olimpiadi. La Raggi si è messa su una strada pericolosa. Governare è diverso dal fare propaganda sul blog di Grillo. La classe dirigente grillina è inadeguata”.

Cambiando argomento, Esposito ha poi raccontato di aver preso una multa mentre andava in bicicletta sul marciapiede: “Andavo sul marciapiede in bici a 150 metri da casa. Ho trovato un vigile particolarmente zelante. Non gli ho detto lei non sa chi sono io, ho fatto esattamente il contrario. Ho una certa vis polemica, ero sotto casa mia, abito in una zona periferica di Torino, non c’era nessuno, in quel momento poi stavano asfaltando la strada e poi io quando sono con i bambini vado sul marciapiede, preferisco violare il codice della strada che correre un pericolo. Ero con mia figlia e mio figlio. Il vigile mi ha detto che dovevo scendere dal marciapiede con la bicicletta. Era un vigile molto ottuso, mi sono fatto fare la multa, mi sono incazzato e gli ho detto che poi avrei contestato il verbale e avremmo aperto una bella discussione sulla sicurezza e sull’atteggiamento dei vigili. La multa era di 41 euro, l’ho già contestata, ho fatto ricorso al prefetto. Bisogna incentivare l’utilizzo della bicicletta dando ai ciclisti un minimo di garanzia per la sicurezza”.

Esposito, infine, ha detto la sua sul fertility day: “Il silenzio è la cosa migliore, ma vi invito a scavare e a scoprire qual è la società di comunicazione che si è inventata questa stronzata e quanto l’abbiamo pagata. Circa 150-200.000 euro. Il mio primo figlio è nato attraverso la fecondazione assistita, questo è un tema serio, di una drammaticità che non può essere banalizzata in questo modo. Io l’ho vissuta in prima persona. Serve più sensibilità e meno banalizzazione. Ci è costata circa 200.000 euro. Sarebbe interessante sapere se hanno fatto almeno una gara d’appalto…”

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=9692

Fonte: Radio Cusano Campus