3 dicembre 2016

Consultori, On. Gigli: “Il Tar ha fatto una boiata pazzesca e il farmacista non è un bottegaio”

L’On. Gianluigi Gigli (Scelta Civica), ai microfoni di “Legge o Giustizia” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) promette battaglia dopo la sentenza del TAR del Lazio, che ha ritenuto infondati i ricorsi presentati dalle associazioni e dai movimenti per la vita contro il decreto sulla riorganizzazione delle attività dei consultori nel Lazio. Il TAR ha affermato che le “pillole del giorno dopo” non sono abortive ma semplici contraccettivi e che l’obiezione di coscienza da parte dei medici non si può applicare alla certificazione dello stato di gravidanza, attestazione necessaria per cominciare l’iter per l’interruzione volontaria di gravidanza.

“Il TAR dimostra di non avere competenza scientifica – afferma Gigli – non dovrebbe appartenere al tribunale mettere il timbro sulla natura di un prodotto. La nostra visione di questi farmaci microabortivi, cioè abortivi precoci, è legata a dati di letteratura. Gli stessi lavori che hanno portato alla messa in commercio del farmaco dicono queste cose. Dire che non esiste la gravidanza finchè non c’è stato con l’annidamento in utero è un punto di vista. Per noi la gravidanza comincia dal momento della fecondazione”. Come è arrivato il TAR a scrivere questa sentenza, ovvero che la pillola del giorno dopo è una specie di preservativo? “Ha richiamato la posizione dell’AIFA la quale, a sua volta, si è rifatta all’EMA, l’Agenzia europea. L’EMA, nell’autorizzare la commercializzazione su tutto il territorio dell’Unione, ha detto che il farmaco non creava problemi alla gravidanza. Il farmaco agisce impedendo l’annidamento in utero, quindi la gravidanza non si determina nemmeno. Noi invece diciamo che si sta eliminando un essere umano allo stadio di sviluppo più precoce, quindi è un microabortivo.  Il TAR non ha tenuto conto del Consiglio Superiore di Sanità, organo consultivo del Ministro competente, un organo tecnico scientifico. Il Consiglio ha detto chiaramente che per la pillola “non si poteva escludere” che ci fossero altri effetti oltre a quello contraccettivo. Di questo parere non è stato tenuto alcun conto, né dall’AIFA né dal TAR”. Sugli obiettori di coscienza Gigli non usa mezzi termini per commentare la decisione del TAR: “E’ una boiata pazzesca. Una donna non chiede il certificato di gravidanza per sapere semplicemente se è incinta.  Va a chiedere il certificato se vuole abortire.  Al consultorio pubblico una donna non va a fare una visita di salute, per controllare come procede la gravidanza. Se così fosse non c’è obiettore che tenga, ovviamente chiunque la visiterebbe. Quando una donna va al consultorio per avviare un iter per il quale la certificazione di gravidanza è l’elemento primo ed essenziale per abortire non si può poi dire che questo atto  non abbia nulla a che fare con l’aborto. Il professionista vede due strade: andarsene dai consultori oppure andare contro la propria coscienza”. Gigli, nelle scorse settimane, aveva presentato una proposta di legge per permettere l’obiezione di coscienza anche per i farmacisti, per evitare loro di essere “costretti” a vendere la pillola del giorno dopo: “Ci sono colleghi farmacisti che ci appoggiano. Non si può pensare al farmacista come un bottegaio. Parliamo di un professionista della salute è la coscienza del professionista è la prima tutela della libertà. Abbiamo a che fare con una pressione commerciale enorme. Intorno a questa roba girano affari con aziende che hanno bilanci superiori a Stati di piccole – medie dimensioni. Dovrebbe essere interesse dei governi andare a fondo della letteratura scientifica, non bersi l’unico studio clinico e fare nuove verifiche”. Gigli si sofferma anche sul rapporto tra paziente e medico: “Troppo spesso il paziente arriva a porre delle richieste. Il professionista o diventa il tecnico, che esegue quello che chiede il paziente, oppure è costretto a fare quello che dice la legge. Il professionista, invece, deve essere rispettato come soggetto che, a partire dal suo sapere e dei suoi convincimenti, valuta caso per caso ciò che è fattibile e cosa no”.

Fonte: Radio Cusano Campus

About Emanuele Bompadre 8218 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.