4 dicembre 2016

Richetti, PD: “Renzi non deve avere paura di far crescere qualcosa che un domani lo metta nell’ombra”

Matteo Richetti, deputato del Pd, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sul Pd e Renzi. “Credo che Renzi abbia doti straordinarie –ha affermato Richetti-. Non deve pensare di affrontare questo periodo da solo, deve circondarsi delle migliori personalità che possono dargli una mano. Non deve avere paura di far crescere qualcosa che un domani lo metta nell’ombra. L’idea del cerchio magico ha rovinato tanti politici, da Bossi a Berlusconi, in parte anche Bersani. L’Italia ha ingranato un’altra marcia grazie a Renzi. Diverso è stato fatto in termini di partito. Ovviamente se uno fa il premier e lo fa bene, poi non ha una quotidianità per la sua comunità politica, che invece ne ha un bisogno che sanguina. Sui territori ci sono divisioni dilanianti, correnti varie. Lui non ha contribuito alle divisioni, che nel partito già c’erano, ma comunque non può ignorarle. Le polemiche su ‘Esci dal talent’, ‘No, io ci sono già uscito’ non servono. Il Pd deve recuperare la dimensione di comunità”.

Un articolo del Corriere della Sera indica in Richetti uno dei bersagli degli interventi di Renzi alla direzione di ieri. “Ci sono due problemi –ha spiegato Richetti-: il primo è che io non ho mai detto che Renzi ha perso il tocco magico, io l’ho definito il Messi della politica. Il secondo punto è che ho costruito anche io questo carro e su questo carro non ho bisogno né di scendere né di salire. Se Renzi avesse voluto dirmi qualcosa, me l’avrebbe detta in faccia, senza fare allusioni, perché è abituato ad un rapporto diretto”.

Fonte: Radio Cusano Campus