10 dicembre 2016

Rieti, replica dell’Assessore Bigliocchi al Consigliere Vassallo

Ho letto con attenzione l’interpellanza inviata al sindaco di Rieti dal consigliere Maurizio Vassallo e ritengo di dovere delle risposte in quanto, da assessore al Bilancio, mi ritengo direttamente coinvolto nel dibattito. Al di là di toni e allusioni, a cui ritengo di non dovere una risposta, credo invece stimolante affrontare un tema assolutamente delicato come quello dell’evasione fiscale e del suo recupero, argomento questo al centro dell’attenzione di tutte le amministrazioni, a iniziare da quella dello Stato. Argomento delicato che colpisce cittadini e che quindi va trattato con grande attenzione. Dobbiamo però porci il problema se il recupero dell’evasione sia un atto dovuto o uno “sfizio” delle amministrazioni e guardare al problema anche dalla parte di chi le tasse le paga e rischia di vedere aumentare il proprio impegno a causa di entrate dovute che non si verificano. Dobbiamo porci il problema anche delle nuove norme di bilancio che ci vedono nella condizione di dover mettere poste in entrata che si riferiscono all’incassato e non al presunto e quindi limitano di molto la discrezionalità dell’Ente. Sono anni che con il possibile recupero dell’evasione fiscale si portano in pareggio i bilanci e sono anni che si richiamano le amministrazioni a un’attività più incisiva collegando, a questo recupero, la possibilità di un alleggerimento della pressione fiscale e la copertura di spesa. Consapevoli, poi, del crescente disagio sociale occorre che questo avvenga con sicura attenzione. Le procedure adottate sono semplici e se c’è stato un limite di comunicazione siamo impegnati a risolverlo. Inviato l’accertamento si hanno 120 giorni per sistemare la pratica e chiedere una rateizzazione, al termine di questa procedura viene inviata una ingiunzione di pagamento con ulteriori 120 giorni per mettersi in regola e solo in quel momento iniziano le procedure di recupero coattivo. Per anni ho sentito polemiche sul ruolo di Equitalia e per anni ho sentito richieste di uscire da quel sistema, cioè quanto il Comune di Rieti sta cercando di fare mettendo in atto procedure di recupero autonomo dell’evasione. Tuttavia, uscire da Equitalia non significa rinunciare al recupero dell’evasione. Chiaramente le procedure possono essere riviste e ragionate, ma l’obiettivo rimane lo stesso, essendo, questa attività, essenziale per la gestione della città. Come detto informalmente al Consigliere Vassallo, cui arriverà una risposta ufficiale alla sua interpellanza, c’è assoluta disponibilità al confronto tenendo presente che milioni di euro di ruoli non lavorati appesantiscono i residui e quel fondo svalutazione crediti che impatta pesantemente sugli impegni del Comune. Tenendo presente che il recupero oggi deve essere una realtà operativa e non virtuale.

 

Lo dichiara l’assessore al Bilancio, Paolo Bigliocchi.

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.