26 febbraio 2017

Cooking Class Olimpico, Chef Cannavacciuolo: “Affrontare lo stadio? Ho visto tante puntate di Holly e Benji”

 

Chef Antonino Canavacciuolo, chef stellato protagonista in televisione di “Masterchef” e “Cucine da Incubo”, è intervenuto su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it), nel corso del format LINGUE A SONAGLI condotto dal cantautore Bussoletti in onda ogni sabato alle 14.

Ha raccontato della sua passione per il cartone animato Holly & Benji, della sfida che lo attendo con la Cooking Class allo Stadio Olimpico martedì 19 e della ricetta per battere la Juventus.

Sulla sua passione per Holly & Benji: “Quando ero bambino giocavo col Dolce Forno? No, vedevo i cartoni animati. Amavo Holly & Benji e sto ancora aspettando che qualcuno di loro riesca a fare un tiro. Passavano tre mesi tra un’azione e l’altra con quel campo. Comunque Holly & Benji mi sono serviti per sperare di fare il risultato all’Olimpico”.

Sulla Juventus e la ricetta per vincerla: “La Juventus è una squadra che non molla mai e, quando molla, ogni tanto viene pure aiutata ma io, finché la matematica non mi condanna, ci credo. Al prossimo Juventus Napoli, comunque, la ricetta giusta ce l’ho! A Pogba e Dybala? Preparo personalmente una bella paniscia e pure una bella trippa ben condita. Ai miei ragazzi, invece, uno spaghettino al pomodoro fresco per assimilare il carboidrato in leggerezza”. 

Sulla vittoria di Erica nell’ultima edizione di Masterchef: “Avevo un debole per lei? Ma quando mai! Di Erica mi è piaciuto che non ha mollato mai nemmeno quando era sull’orlo di uscire da Masterchef. Per esempio, quando ha sbagliato a prendere il polmone col capocollo, c’ha provato ed ha tirato fuori quattro assaggi. Io in un cuoco cerco proprio la forza di non mollare. Allo sbaglio puoi rimediare, alla mancanza di grinta no”.

Sull’importanza della formazione in Italia un monito: “Io dico sempre ai genitori di stare molto attenti a dove mandano i loro figli. La scuola è importante e lo è il professore. Io, per esempio, sono stato fortunato perché ho avuto di professori bravi con curriculum di tutto rispetto ma anche con molta intelligenza. Uno in particolare mi diceva sempre che la sua cucina era legge fino ai fornelli dove si doveva, invece, dimenticare tutto”.

Sui suoi proverbiali schiaffoni: “Portano fortuna a chi li riceve. E’ una cosa che ho scoperto appartenere anche a mia padre. I Canavacciuolo sono fatti così… danno le pacche. Io le do però solo a chi sento un po’ mio, a chi mi piace e poi pane e panelle fanno i figli belli”.

Sulle critiche legate alla cucina troppo esterofila di Masterchef: “Dicono che spingiamo più il cheddar della mozzarella? Io mi preoccuperei della qualità di alcune mozzarelle invece. Cerchiamo di leggere sempre da dove arriva il prodotto e cerchiamo di pretendere qualità. La distinzione non è tra prodotti nostri o no ma tra quelli meritevoli e quelli meno”.

AUDIO: http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=7875

Fonte: Radio Cusano Campus