7 dicembre 2016

Libro Riina, Tricarico, casa editrice: “Temo per la mia incolumità, qualche cretino potrebbe venire sotto casa mia con la spranga”

Mario Tricarico, fondatore e direttore editoriale di “Edizioni a Nord Est”, casa editrice del libro di Salvo Riina, È intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Noi –ha spiegato Tricarico- siamo stati contattati da un giornalista di livello nazionale che ha detto che stava per scrivere un libro con Salvo Riina. Io gli ho fissato un appuntamento perché conoscevo il giornalista, di cui non voglio svelare il nome. Il giornalista mi ha spiegato che era sua intenzione scrivere la biografia di Giuseppe Salvatore Riina. Io gli ho risposto che non mi interessava che un giornalista scrivesse un libro su Riina, ma mi interessava che Salvo Riina scrivesse un libro su se stesso. Quando è andato via, non ci siamo più sentiti. Dopo una settimana Salvo Riina mi ha telefonato che il giornalista si era fatto da parte e che si era auto convinto che il libro l’avrebbe scritto lui. Io sono andato a trovarlo a Padova, perché lui non poteva muoversi. Ci siamo seduti a un bar e gli ho chiesto in cosa consisteva il libro. Lui mi disse che non voleva parlare della vicenda mafiosa di suo padre, perché è stato condannato e morirà in carcere, e lui voleva parlare della sua vicenda personale all’interno della famiglia Riina. Ha specificato che non avrebbe contestato la condanna inflitta al padre. Ha detto che voleva parlare della sua famiglia, come se ci fosse una telecamera montata all’interno della sua famiglia. Ovviamente non siamo nati ieri, però sono un editore e come tutti gli editori del mondo faccio l’editore. Ovviamente sapevamo di questo pericolo, tanto è vero che il libro è stato seguito capitolo per capitolo, riveduto e corretto, anche togliendo qualche piccola cosa che non accettavamo. Comunque non c’erano tentativi di agiografia del figlio nei confronti del padre perché io ero stato chiaro fin da subito su questo. Salvo Riina si è comportato molto bene, quello che ha detto ha rispettato. Noi abbiamo una distribuzione nazionale che non ci ha bocciato mai nessun libro. Questo era un libro più delicato degli altri, per questo è stato seguito dal nostro staff e da me in prima persona, però non c’è stata alcuna difficoltà nella distribuzione del libro. C’è stata una prenotazione da parte delle librerie quattro volte superiore rispetto agli altri nostri libri”.

In merito all’intervista di Salvo Riina a Porta a Porta. “Quella da Vespa –ha affermato Tricarico- è stata l’esclusiva che abbiamo concesso in tv, come l’abbiamo concessa al settimanale Oggi. Io ero presente alla registrazione dell’intervista, eravamo in 4-5 compreso l’avvocato di Riina, non c’è stata alcuna interruzione. Vespa è stato il solito professionista che conosciamo, rispettoso nei confronti dell’ospite, che si chiami Riina o Pinco Pallino. Alle risposte che Riina non dava o dava parzialmente, Vespa insisteva e alla fine è venuta fuori un’intervista su cui nessuna delle parti ha avuto niente da ridire. Salvo Riina ha voluto rivederla prima di dare l’autorizzazione alla messa in onda. Tutto quello che si è scatenato è quello che la direzione della Rai ha scatenato con le varie commissioni e i vari gradi gerarchici che hanno fatto interventi censori preventivi. Tutti  questi signori, dalla dott.ssa Maggioni al responsabile della Commissione di vigilanza, fino ad arrivare a Rosy Bindi, tutti hanno parlato istigando centinaia di migliaia di persone a fare quello che sta succedendo in questi giorni sul mio sito e su quello della mia casa editrice, non avendo né letto il libro né visionato l’intervista. C’è stata la chiusura del nostro sito per quanti insulti sono arrivati dalle comari, dai professionisti degli insulti della pancia. L’italianità è perfetta in questo senso, siamo i più bravi del mondo a parlare del nulla e sul nulla. La signora che si permette anche di dire che Riina ha rilasciato un’intervista mafiosa, lo può dire perché è molto ben protetta dalla sua immunità, ma non è detto che non venga querelata, dato che qualsiasi persona che viene condannata e ha scontato la sua pena, ha diritto al rispetto. Lo sanno tutti, anche i poppanti e lattanti, forse questa signora non lo sa. Non si può permettere di dire quelle cose anche se è stato accusato di associazioni mafiosa”.

Vendite record. “La prima edizione l’abbiamo esaurita in tre ore –ha spiegato Tricarico-. Credo che sia un record almeno italiano. Prima di Porta a porta i giornali italiani hanno scritto e continuano a scrivere di questo libro. L’intervista a Porta a porta quasi quasi ci ha penalizzato perché da dopo l’intervista siamo stati subissati di insulti e minacce. Proprio quell’atteggiamento preventivo nei riguardi del libri hanno prevenuto così tanto centinaia di migliaia di persone. A questo punto ho paura che mi succeda qualcosa perché la mamma dei cretini è sempre incinta. Io ho paura che qualche cretino possa arrivare qui con una spranga in mano. Se tornassi indietro? Io sono un editore e rifarei tutto, perché quello che ho fatto l’ho fatto in pace con la mia coscienza, perché vorrei che tutti, dirigenti Rai compresi rileggessero il libro, riguardassero l’intervista, e poi questa stessa domanda la rivolgerei a loro. Salvo Riina? Mi ha detto che gli dispiace per quello che mi sta succedendo, perché lui è abituato a subire certe cose, io no”.

Fonte: Radio Cusano Campus