3 dicembre 2016

Intervista Riina, Adinolfi: “Sono peggio i nastrini per i gay a Sanremo rispetto all’intervista di Salvo Riina a Porta a Porta”

Mario Adinolfi è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ecg Regione”, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alle polemiche sull’intervista di Salvo Riina, figlio del boss Salvatore, a Porta a Porta. “Sono gare a chi cerca visibilità in maniera diversa –ha affermato Adinolfi-. Vespa fa più o meno il suo mestiere ed è secondo me criticabile ed encomiabile allo stesso tempo per tante scelte che opera giornalisticamente nella sua trasmissione. Il colpo di Riina ha un suo valore giornalistico ed è discutibile dal punto di vista del servizio pubblico. Allo stesso modo i politici provano a prendere visibilità attraverso una dialettica controversa, mi fa un po’ ridere il rimprovero di chi dice ‘Ah, lo fa solo per lo share’, quando la stessa accusa potrebbe essere rivolta a quelli che hanno fatto gli stracciatori di vesti in Parlamento. Vespa cerca share con Riina e i politici cercano lo share da Vespa, non ci sono verginelle da questo punto di vista”.

“E’ un meccanismo molto simile a quello dei nastrini arcobaleno che abbiamo visto a Sanremo –ha aggiunto Adinolfi-. Anche se quello è ancora più grave, perché in quel caso si è fatto un utilizzo dei denari del servizio pubblico radiotelevisivo per fare manifestamente una presa di posizione politica in un dibattito in corso. Forse persino incentivato, perché non si va sul palco di Sanremo senza che i massimi dirigenti Rai autorizzino ciò che sta accadendo. Se qualcuno fosse andato sul palco dell’Ariston con la maglietta del popolo della famiglia, sicuramente sarebbe stato fermato. Invece i nastri arcobaleno sono andati tranquillamente sul palco. Non mi piace l’utilizzo del servizio pubblico televisivo per influenzare un dibattito politico in corso. Quelli che si indignano per la questione Salvo Riina in tv, non hanno valutato l’impatto che aveva sulla correttezza dell’utilizzo del denaro pubblico la manifestazione che abbiamo visto a Sanremo. Sulla Bbc inglese non avremo mai visto quel tipo di show a Sanremo, forse però sarebbe stato possibile vedere l’intervista al figlio del boss mafioso, perché ha una valenza giornalistica”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517&dl=7691

Fonte: Radio Cusano Campus