3 dicembre 2016

MotoGp, Qatar: report Aprilia

Con pochissimi chilometri alle spalle la Aprilia RS-GP 2016, al suo debutto in gara, conferma la bontà del progetto e, condotta con bravura da Alvaro Bautista, arriva al traguardo conquistando i suoi primi punti iridati. La prima gara per le V4 italiane portava con se’ moltissimi interrogativi sulla tenuta di un progetto così giovane. Bautista, accolto al box dal lungo applauso di tutto il team, li ha fugati con una condotta di gara che, dopo un contatto alla prima curva e lungo conseguente, lo ha visto inseguire, rimontare posizioni e chiudere con un tredicesimo posto (e tre punti iridati) che, insieme al passo messo in luce, è un ottimo viatico per la stagione appena iniziata.

Anche il suo compagno nell’Aprilia Racing Team Gresini, Stefan Bradl, stava risalendo in classifica e, agganciato ad Alvaro, era già entrato in zona punti quando una scivolata lo ha messo fuori gioco. Ma, quello che più conta, la RS-GP 2016 ha dimostrato di essere un progetto dalle grandi potenzialità, sulle quali costruire l’avventura Aprilia in MotoGP.

ROMANO ALBESIANO – RESPONSABILE APRILIA RACING

“Siamo felicissimi! Oggi abbiamo raggiunto un traguardo che in certi momenti è parso davvero difficile. Abbiamo fatto tutto il weekend senza alcun problema tecnico e abbiamo portato la moto di Alvaro a battagliare in pista, girando con un passo molto interessante. La strada è ovviamente lunga ma tutto il lavoro legato alla performance non è ancora iniziato. Quindi sono contentissimo, la moto si sta dimostrando davvero un’ottima base con la quale arriveremo in alto”.

FAUSTO GRESINI – TEAM MANAGER

“E’ stato un debutto estremamente positivo se pensiamo ai pochissimi chilometri che questa moto ha, o a dove eravamo agli ultimi test. Aprilia ha fatto un lavoro davvero eccezionale e Alvaro ci ha creduto dando il meglio. E non dimentichiamo che, rispetto allo scorso anno, abbiamo perso ogni vantaggio di litri di benzina in più o di gomma. Tutto ci dice che abbiamo un potenziale molto buono sul quale costruire la nostra crescita”.

ALVARO BAUTISTA

“Per noi era importante finire la gara, ma non è stata una passeggiata. Sono riuscito a partire bene, ma alla prima curva c’è stato un contatto con un altro pilota. Sono quindi andato largo e mi sono ritrovato ultimo, con molto terreno da recuperare. Da quel momento ho impostato il mio ritmo, nei primi giri avevo un feeling strano con il grip, una cosa che dovremo verificare. Da metà gara ho iniziato a guadagnare sugli altri piloti, fino a ingaggiare una bella battaglia con Miller e Laverty. Purtroppo quello che guadagnavo in curva lo perdevo in rettilineo, in ogni caso il tredicesimo posto per noi è un buon risultato. Grazie al team, ad Aprilia e ai partner di questo progetto, hanno lavorato tutti senza sosta per arrivare a questa prima gara”.

STEFAN BRADL

“Alla partenza mi sentivo bene, il feeling migliorava giro dopo giro e anche i tempi di conseguenza. Difficile spiegare la caduta, dobbiamo analizzare bene i dati per capire quale sia stata la causa. La mia sensazione è stata una perdita di aderenza su entrambe le ruote alla curva 15. In ogni caso l’avvio è stato positivo, sono riuscito a scendere sotto 1’57 proprio in gara, significa che la confidenza sta arrivando giro dopo giro. Ora sarà importante sfruttare al massimo i dati raccolti e iniziare un altro buon weekend in Argentina”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.