Aprilia, milite ignoto cittadino onorario

aprilia



L’elmetto di un milite della Grande Guerra ed altri cimeli della collezione di Ostilio Bonacini in esposizione permanente presso l’Aula consiliare del Comune di Aprilia. Questa la proposta dell’associazione “Un ricordo per la pace” e delle Associazioni d’Arma e Combattentistiche protocollata al Comune di Aprilia lo scorso  14 novembre.

Nella lettera indirizzata alla cortese attenzione del Sindaco di Aprilia Antonio Terra, dell’Assessore alla Cultura Gianluca Fanucci e dell’Assessore ai Lavori Pubblici Luana Caporaso il riferimento alla cittadinanza onoraria conferita dalla Città di Aprilia al Milite Ignoto nel centenario della  tumulazione presso l’Altare della Patria (1921-2021). L’iniziativa del Comune di Aprilia nell’ambito del progetto “Milite Ignoto, Cittadino d’Italia” promossa dal “Gruppo delle Medaglie d’Oro al Valor Militare d’Italia” e sostenuta dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) e dal Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d’Arma (ASSOARMA).

Mozione

Ad Aprilia la mozione proposta dai Consiglieri Comunali di Unione Civica Marco Moroni e Massimo Bortolameotti e sostenuta dalla Sezione dei Bersaglieri “Adelchi Cotterli’’ tramite il presidente Edoardo Tittarelli è stata approvata dal Consiglio Comunale il 30 luglio 2021.

Nel protocollo del 14 c.m. le Associazioni chiedono un incontro con Sindaco ed Assessori per valutare possibilità e modalità con cui esporre permanentemente l’elmetto di un fante senza nome della Grande Guerra 1915-1918 ed eventualmente altri cimeli presso l’aula Consiliare del Comune di Aprilia, preferibilmente protetti in apposita urna o teca in vetro.

I reperti della Prima Guerra Mondiale messi a disposizione a titolo di donazione alla Città di Aprilia fanno parte della collezione di Ostilio Bonacini, scomparso nel 1999. Elisa Bonacini presidente di “Un ricordo per la Pace”  ed erede della collezione conferma in una nota a latere del comunicato la volontà di donare alla Città di Aprilia anche altri oggetti utilizzati dalle truppe nei vari fronti  nonchè alcune rare medaglie e targhe commemorative della guerra.  Per finalità museali negli anni la famiglia Bonacini ha affidato al Comune di Aprilia oltre 300 pezzi della raccolta di Ostilio sul tema “Aprilia in Guerra: la Battaglia di Aprilia” (1944). Nel 2013 con patrocinio comunale presso l’auditorium dell’ attuale Liceo “A. Meucci”  è stata allestita una mostra che è in attesa di una collocazione stabile nel centro di Aprilia.

Le associazioni auspicano l’accoglimento della proposta: “un modo per perpetuare, tramandandolo alle future generazioni, l’affetto della Città di Aprilia verso l’eroico concittadino onorario “testimone e simbolo dei valori di libertà, democrazia e fratellanza” e verso tutti coloro che hanno perso la vita nell’adempimento del dover Patrio.”

Al Milite Ignoto venne conferita la Medaglia d’Onore al Valor Militare

L’onorificenza  precedette la tumulazione del feretro presso il sacello dell’Altare della Patria al Vittoriano su cui è riportata la celebre motivazione:  “Degno figlio di una stirpe prode e di una millenaria civiltà, resistette inflessibile nelle trincee più contese, prodigò il suo coraggio nelle più cruente battaglie e cadde combattendo senz’altro premio sperare che la vittoria e la grandezza della Patria”

Era il 4 novembre 1921 quando il soldato scelto da Maria Bergamas tra undici salme anonime all’interno della Basilica di Aquileia arrivò a Roma su un treno speciale. A rendere omaggio all’umile Milite nel suo percorso attraverso l’Ialia una folla immensa in ginocchio. Dopo il carico luttuoso della guerra, oltre 680.00 morti, il popolo ferito si era trovato fianco a fianco come tra fratelli, uniti dal comune amor di Patria e  da un rinnovato senso di identità nazionale.

Ulteriore motivazione dell’iniziativa delle associazioni il legame che unisce il territorio pontino ed apriliano alla storia della Prima Guerra Mondiale. Nella valutazione dei requisiti per l’assegnazione negli anni 30 dei poderi O. N. C. era condizione necessaria aver avuto un familiare combattente nella Grande Guerra.

 

var url211540 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=211540”;
var snippet211540 = httpGetSync(url211540);
document.write(snippet211540);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23923 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.