Aprilia, commemorazione Eric Fletcher Waters e dei Caduti senza sepoltura dello Sbarco

aprilia



Sì è tenuta giovedì 18 febbraio ad Aprilia presso il comprensorio studentesco Meucci-Rosselli di via Carroceto la cerimonia commemorativa del Sottotenente dei Fucilieri Britannici Eric Fletcher Waters e dei Caduti senza sepoltura dello Sbarco. La cerimonia nell’8° anniversario dell’inaugurazione del monumento ha visto la partecipazione del Sindaco Antonio Terra, di autorità civili, militari e religiose del territorio.

Un ricordo per la pace

Dopo la deposizione della corona d’alloro della Città di Aprilia il consueto omaggio floreale dell’associazione “Un ricordo per la pace” e del veterano britannico Harry Shindler rappresentante in Italia della “ITALY STAR ASSOCIATION 1943-1945” .

L’evento del 18 febbraio 2014, a 70 anni esatti dalla morte del fuciliere britannico, assunse clamore mondiale per la partecipazione del figlio, la rockstar Roger Waters, leader storico dei Pink Floyd, orfano di Eric Fletcher Waters a soli 5 mesi. Il giorno precedente 17 febbraio in una cerimonia strettamente riservata era stato inaugurato il memoriale in via dei Pontoni, località buon Riposo, nei pressi del luogo della morte identificato grazie al ritrovamento del diario di guerra del 18 febbraio 1944. Non è noto il luogo di sepoltura. Il nome di Fletcher Waters compare infatti nel Cimitero del Commonwealth a Cassino le cui lapidi riportano i nominativi di oltre 4000 soldati dispersi nella campagna d’Italia.

Alla commemorazione di quest’anno ha fatto seguito nell’ambito del progetto didattico “Farememoria” un evento organizzato dal Liceo “A. Meucci” in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Aprilia.

var url242970 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=242970”;
var snippet242970 = httpGetSync(url242970);
document.write(snippet242970);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23923 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.