Rifiuti, verso nascita enti gestione nel Lazio

latina



I rifiuti sono motivo di subbuglio nel centrosinistra. Il cuore della questione e’ sempre lo stesso: Roma, gli impianti e la sua autosufficienza. Tanto nella Città Eterna quanto in Regione. Se alcuni Municipi e qualche consigliere capitolino si stanno “limitando” a opporsi alla scelta del Campidoglio di trasformare in due biodigestori anaerobici altrettanti impianti di compostaggio (autorizzati dalla Regione Lazio 2 anni fa) nelle località di Cesano e Casal Selce, alla Pisana la battaglia rischia di farsi, se possibile, ancora più aspra. Perché l’oggetto del contendere è una storica trasformazione della gestione dei rifiuti regionale, da cui discendera’ anche la distribuzione degli impianti (specie quelli legati alla filiera dell’indifferenziato, come le discariche) sul territorio: la legge costitutiva degli enti di gestione degli ambiti territoriali ottimali. E su questa a breve la maggioranza in Regione incontrerà l’assessore ai Rifiuti, Massimiliano Valeriani. Ancora oggi nel Lazio gli ambiti all’interno dei quali i territori sono chiamati a chiudere il ciclo di gestione dei rifiuti, dotandosi degli impianti opportuni, esistono solo sulla carta. Con confini geografici che coincidono con le 5 province ma nulla più di questo. Pertanto, in assenza di una legge che istituisse le autorità di ambito deputate a governare il sistema dei rifiuti, stabilendo le tariffe di accesso agli impianti e quelle per la raccolta e lo spazzamento e individuando il soggetto gestore del servizio, nel frattempo da una parte i comuni hanno continuato a mantenere la titolarità degli affidamenti dei servizi di igiene urbana e a determinare la Tari e dall’altra i rifiuti sono andati dappertutto. Nel Lazio e anche fuori, in virtù del principio di prossimità, visto che quello “superiore” dell’autosufficienza è sostanzialmente inapplicabile. Ma ancora per poco. Perché l’assessore Valeriani ha tutta l’intenzione di colmare un vuoto normativo ultradecennale istituendo gli enti di gestione degli ambiti. La legge è ovviamente in capo al Consiglio regionale ed esiste un testo unificato dove sono confluite le proposte del presidente della commissione, Marco Cacciatore, e della consigliera M5S, Gaia Pernarella.

Forte dialettica

Tuttavia da mesi c’è una forte dialettica ai limiti del conflitto tra diversi componenti del centrosinistra e la giunta riassumibile in un concetto: Roma Capitale deve costituire ambito a sé stante. Questa la richiesta di tanti consiglieri (sostenuti da altrettanti sindaci) che “annusano” fortemente l’intenzione dell’esecutivo di costituire un Ato unico metropolitano (Roma e tutta la provincia) e in questo modo gli altri 120 comuni dell’ex Provincia rischiano (a loro avviso) di continuare a contribuire alla gestione dei rifiuti della Capitale, oltre a pagare una tariffa più alta a dispetto di percentuali di raccolta differenziata ben più virtuose di quelle di Roma. La previsione, nel piano regionale dei rifiuti, dell’obbligo per la Capitale di dotarsi comunque di tutti gli impianti di trattamento e smaltimento necessari dell’autosufficienza non convince. “Se Roma deve essere comunque autosufficiente, allora facciamo direttamente l’ambito a se'”, è il mantra che circola tra tanti. Ma siccome l’ambito autonomo di Roma non è previsto nel piano dei rifiuti approvato ad agosto 2020, istituirlo ora, sostiene la tesi opposta, significherebbe riaprire il piano dei rifiuti sottoponendolo nuovamente a una lunga valutazione ambientale strategica. “Ma- controbattono i ‘pro Ato Roma Capitale’- la Vas del piano rifiuti vigente è stata gia’ fatta prevedendo l’autosufficienza di Roma, anche senza istituire l’ambito autonomo…La realtà è che creando l’Ato metropolitano a quel punto entrerebbe in campo Acea…”.

Autorità

Una volta create le autorità di ambito, queste dovranno provvedere a redigere il piano di ambito e individuare il soggetto gestore. Un’operazione che può avvenire in due modi: tramite affidamento in house o con bando per ricercare sul mercato il soggetto più idoneo. Calando questa previsione sulla realtà di Roma e della Città Metropolitana si produrrebbero economie di scala tali da stimolare l’ingresso di multiutility. Il sogno nemmeno troppo nascosto è che Acea e Ama scendano in campo insieme per occuparsi dei rifiuti del grande ambito metropolitano, magari aggregando gli altri soggetti pubblici esistenti sul territorio, ma un esito simile non è scontato. Soprattutto perché i tanti consiglieri regionali della ex Provincia, in alcuni casi anche di Roma, ma anche delle Province confinanti con la Città Metropolitana di Roma sono contrari all’Ato Metropolitano. I primi perché non vogliono ospitare impianti (magari di grandi dimensione come ad esempio il biodigestore di Civitavecchia o la discarica di Magliano Romano) che servirebbero più a Roma che a loro; i secondi perché, in base al principio di prossimità, in caso di Ato Metropolitano si ritroverebbero a dovere continuare a offrire aiuto a Roma e Provincia in caso di emergenze. Ecco perché si sta facendo strada l’ipotesi di compromesso di un Ato metropolitano suddiviso però in tanti subAto corrispondenti alle attuali Asl. Due i nodi da sciogliere: l’eventualità, anche in questo caso, di dovere rimettere mano al piano rifiuti con una nuova Vas per i subato dei territori della ex provincia; l’inesistenza del concetto di subAto nella norma nazionale di riferimento, il testo unico dell’Ambiente. Un bel rompicapo.

Fonte: agenzia dire

var url242972 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=242972”;
var snippet242972 = httpGetSync(url242972);
document.write(snippet242972);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24171 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.