“Un ricordo per la pace” Medaglia d’onore in arrivo per il carabiniere Biagio Basco

pace



Medaglia d’onore in arrivo per il carabiniere Biagio Basco, internato militare in Germania durante la seconda guerra mondiale. L’istanza dell’onorificenza alla memoria curata dell’associazione “Un ricordo per la Pace” è attualmente alla valutazione della Commissione riconoscimenti ex Imi della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Armistizio

La medaglia d’onore è conferita su Decreto del Presidente della Repubblica ai cittadini italiani, civili e militari che dopo l’armistizio dell’Italia l’8 settembre 1943 non aderirono alla R.S.I. o alle formazioni delle SS e pertanto vennero catturati e deportati nei lager nazisti, obbligati a lavorare per l’economia di guerra della Germania.

Nato a Cancello Arnone (Caserta) il 30 gennaio 1916 Biagio morì nel 1954, a soli 38 anni. Cenni sul percorso militare emergono dal foglio matricolare conservato con amorevole cura dal figlio Salvatore Basco, Maresciallo in congedo dell’Aeronautica Militare Italiana, attualmente socio dell’Associazione Arma Aeronautica di Aprilia sezione Maresciallo Scelto Armando Lattaro. Pochi i ricordi del padre scomparso a pochi anni dalla liberazione, quando Salvatore aveva appena 5 anni. Colpito da una grave malattia che non diede scampo ad un fisico già minato dalla guerra e dalle dure condizioni della prigionia e del lavoro coatto per la Germania.

Biagio Basco aveva svolto il servizio militare dal 1 aprile 1937 al 18 agosto 1938 nell’8° Reggimento Artiglieri. Richiamato come carabiniere ausiliario nelle legione CC. RR. di Napoli il 1 maggio 1940, poco prima dell’entrata in guerra dell’Italia. Il 1 febbraio 1941 imbarcato a Bari e sbarcato a Durazzo 3 febbraio 1941 venne incorporato nell’ 8 Reggimento C. Mole; trasferito il 1 dicembre 1942 nella 123a Sezione mista CC.RR. Catturato il 10 settembre 1943 dai tedeschi rimpatriò a Bari il 26 luglio 1945. Non è noto il campo di prigionia. Una storia ancora tutta da ricostruire attraverso le documentazioni degli archivi germanici.

Entro il 2022 saranno oltre 20 le medaglie conferite agli Internati Militari Italiani di Aprilia

Tra le onorificenze in arrivo anche quella alla memoria di Giuseppe Magnaterra richiesta dal nipote Matteo Ferrera. La richiesta di intitolazione ad Aprilia di una via/piazza/parco agli Internati Militari Italiani 1943-1945 formalizzata nel novembre 2017 dall’Associazione “Un ricordo per la pace” e dall’Associazione Arma Aeronautica sezione di Aprilia è stata rinnovata dalle associazioni con nuovo protocollo del 15 dicembre scorso. Nei mesi scorsi richiesta analoga anche da Matteo Ferrera responsabile Politiche Giovanili, Europa e Sport del P.D. di Aprilia.

Commenta l’iniziativa Elisa Bonacini presidente di “Un ricordo per la pace” impegnata dal 2011 nel progetto “Memoria agli IMI” : “Confidiamo nella sensibilità dell’Amministrazione apriliana per rendere onore a tutti i militari italiani che dopo l’armistizio dell’Italia vennero deportati nei lager in Germania; a costo della propria vita, nonostante lo stato di cattività indotto dalla prigionia, dal lavoro coatto e dalle continue vessazioni dei nazisti seppero con coraggio e fermezza morale tenere fede al giuramento alla Patria. Il loro “NO!” al nazifascismo fu un contributo importante per il cammino dell’Italia verso la libertà e la democrazia.”

var url220876 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=220876”;
var snippet220876 = httpGetSync(url220876);
document.write(snippet220876);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23923 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.