L’omaggio di “Un ricordo per la pace” a Eric Fletcher Waters e ai caduti del 1944

pace



Nella serata del 28 maggio, giornata del ricordo dei Caduti della “Battaglia di Aprilia” l’omaggio floreale dell’Associazione “Un ricordo per la pace” presso il Memoriale dedicato ad Eric Fletcher Waters ed ai Caduti del 1944.

Il piccolo monumento è ubicato in via dei Pontoni  località Buon Riposo nei pressi del Fosso della Moletta ove il 18 febbraio 1944 perse la vita, il corpo disperso, il Sottotenente dei Fucilieri Britannici E.F. Waters, padre della rockstar Roger Waters, leader storico dei Pink Floyd.

Drammatici combattimenti

Nei quattro mesi successivi allo Sbarco di Anzio (22 gennaio 1944) quei luoghi furono teatro dei più drammatici combattimenti della seconda guerra mondiale tra truppe alleate e germaniche, aventi come finalità il raggiungimento e la Liberazione di Roma dal nazifascismo ( 4 – 5 giugno 1944).

Ricerche di “Un ricordo per la pace” su E.F.Waters erano iniziate nel 2012 dopo alcune segnalazioni di testimoni oculari dello Sbarco alleato; nel 2013 grazie al coinvolgimento del reduce britannico Harry Shindler, esperto nella risoluzione di  casi di dispersi in guerra, ed al ritrovamento negli archivi di Londra delle mappe militari relative al febbraio 1944 fu possibile individuare precisamente il punto di morte, non i suoi resti, che restano ulteriore oggetto di ricerca.

Realizzati dal Comune di Aprilia su proposta del veterano britannico Harry Shindler e di “Un ricordo per la pace” i due monumenti dedicati ad Eric Fletcher Waters ed ai Caduti senza sepoltura del 1944 (il secondo si trova presso il comprensorio studentesco Meucci- Rosselli) sono stati inaugurati il 17 e il 18 febbraio 2014 alla presenza del figlio Roger Waters, delle autorità locali e di rappresentanti delle Ambasciate britanniche, statunitensi e canadesi: un evento che ebbe eco mediatico mondiale.

 

“28 maggio. La Battaglia di Aprilia in ricordo dei Caduti”

La giornata commemorativa “28 maggio. La Battaglia di Aprilia in ricordo dei Caduti” è stata istituzionalizzata dal Comune di Aprilia nel gennaio 2013 su iniziativa dell’Associazione “Un ricordo per la pace” e l’adesione delle Associazioni Combattentistiche, della C.R.I. di Aprilia ed altre Associazioni locali.

La richiesta delle Associazioni protocollata l’8 maggio 2012 presso gli uffici comunali di piazza Roma era di istituire “la data della Liberazione di Aprilia da celebrare ogni anno attraverso convegni e manifestazioni pubbliche.” L’obiettivo che si prefiggevano le associazioni quello di : “unire i cittadini di Aprilia in una festa rappresentativa della rinascita della città, nella condanna di tutte le guerre.”

La lettera proseguiva con le seguenti motivazioni: “Considerando quanto duramente Aprilia fu colpita degli eventi bellici che seguirono lo sbarco di Anzio il 22 gennaio 1944, diventando cruento teatro di battaglia tra l’esercito tedesco e quello alleato nel cammino verso la liberazione di Roma avvenuta il 4 giugno 1944; nel ricordo di tutte le vittime militari e civili del conflitto nel nostro territorio e delle immani sofferenze che dovette subire la popolazione, costretta ad abbandonare le proprie abitazioni e ad affrontare a guerra finita la gravosa opera della ricostruzione; dell’eroica opera di bonifica dei terreni da mine ed ordigni effettuata a costo della propria vita dagli “sminatori” di Aprilia”; motivazioni queste del conferimento da parte del Governo italiano in data 8 febbraio 2001 della Medaglia di bronzo al merito civile ad Aprilia.

Chiediamo quindi al Sindaco f.f., agli Assessori ed ai Consiglieri tutti di valutare tale richiesta auspicando sia formalizzata a breve attraverso i necessari atti istituzionali. Certi che la celebrazione di tale ricorrenza rappresenti una occasione importante di crescita culturale e di maggiore apprezzamento dei valori democratici della nostra Repubblica”.

var url285798 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=285798”;
var snippet285798 = httpGetSync(url285798);
document.write(snippet285798);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23923 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.