9 dicembre 2016

Roma – Banda della Magliana, Lupacchini: “Vitale libero di operare, ad Abbatino, pentito, è stata tolta la protezione”

Otello Lupacchini, il magistrato che ha messo per primo alla sbarra la Banda della Magliana, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.
Lupacchini ha commentato le recenti notizie di cronaca che hanno per protagonista l’ex banda della magliana, Manlio Vitale, detto Er Gnappa: “Senza nulla voler togliere all’operazione delle forze dell’ordine che ha portato all’arresto di persone note, ci troviamo davanti a uno dei tanti reiterati certificati di fallimento dell’attività di prevenzione. Evidentemente il fatto che certi personaggi ritornino ciclicamente agli onori delle cronache dimostra che un controllo effettivo non viene efficacemente esercitato. Manlio Vitale non era uno qualunque nella banda della magliana, era un pezzo grosso già all’epoca, diverse vicissitudini che ha avuto ne sottolineano la caratura criminale. Un personaggio che è stato sempre operativo e che ha fiancheggiato elementi che avevano funzioni apicali all’interno del sodalizio banda della magliana, che è sopravvissuto e che negli anni ha reinvestito la sua professionalità in una serie di attività che ne segnalano la caratura. Se ha potuto continuare a delinquere e a un livello non certo marginale, certamente qualcosa non ha funzionato a livello di prevenzione.  Indubbiamente questo è un personaggio che si qualifica per una sua immanente pericolosità e il fatto che abbia continuato a delinquere in maniera spudorata anche quando avrebbe dovuto sentirsi il fiato controllo, induce a dei cattivi pensieri.  Nella Roma criminale, comunque, poter dire ‘Io ero uno della banda’, ha ancora un peso enorme”. 

Lupacchini parla anche del caso Abbatino: “Un esempio banale ma di una gravità estrema. Nel momento in cui ricompaiono questi personaggi vediamo Abbatino, che concorse a mandarli alla sbarra, cui non si concede il programma di protezione e non gli si concede neppure il cambio di generalità. Ora deve presentarsi necessariamente con il suo nome e il cognome, con tutte le conseguenze che si hanno, e questo evidentemente col parere di chi sta conducendo questi processi nei confronti dei vecchi sodali. In questo vedo una grossa contraddizione e un problema serio che comunque dovrebbe essere risolto. Questo porta ad aumentare il prestigio di chi resta su piazza. Mi stupisce che a certi livelli non ci si renda conto di questo”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=7331

Fonte: Radio Cusano Campus