7 dicembre 2016

Roma – Peciola, SEL: “Si battono contro la cementificazione ma la Raggi rilancia sugli stadi di Roma e Lazio per ingraziarsi i tifosi”

Gianluca Peciola, ex capogruppo di Sel in Campidoglio, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Anche Peciola si candida alle possibili primarie della sinistra per la corsa al Campidoglio. “Fassina è il candidato che ha aperto una strada e quindi dobbiamo essere grati alla sua generosità –ha affermato Peciola-. Quando noi come gruppo Sel facemmo la rendicontazione dei nostri 2 anni in Consiglio Comunale a Roma, invitammo Marino. Una piccola parte del nostro mondo era contraria, noi invece sostenevamo che Marino era un alleato ed era nel campo della sinistra. Fassina, nonostante fosse già in campo, venne alla riunione e dimostrò una grande capacità di interlocuzione e già all’epoca si manifestavano i segni di una possibile alleanza. Stiamo parlando di fare esprimere la sinistra a Roma, la sinistra fatta dei comitati civici, di Fassina, di Bray. Fassina ha il merito politico di aver parlato per primo del debito di Roma che risale alle prime olimpiadi del dopoguerra, ancora non ci riconoscono gli extracosti da capitale. Bray ha da parte sua la cultura, l’esperienza di governo. La mia candidatura è un motivo per spronare a confrontarci, per far fiorire il campo anti-renziano, per sfidare l’idea di Renzi che le città vadano predate dal governo”.

Giachetti? Ci vuole coraggio a candidarsi a guidare una città che viene trattata così dal governo e dal suo stesso premier –ha affermato Peciola-. Ma non potrà mettere in discussione le politiche di Renzi rivolte alla città. L’ultima manovra economica parla di 10 miliardi di tagli da 10 anni a questa parte, ma le ultime manovre sono state particolarmente aggressive. Non si possono alleggerire le tasse sulle seconde case e poi fare i tagli alla sanità. Le città vengono viste come bancomat dal governo. Nella giunta Marino dal governo Renzi non è arrivato un euro. Per il Giubileo abbiamo avuto 30 milioni a settembre, mentre l’expo ha avuto più di 200milioni. I 30 milioni erano quelli dello sblocco del patto di stabilità, quindi i nostri. Giachetti non ha risposto ai 10 punti avanzati da Fassina, ad esempio sulla privatizzazione degli asili nido. L’idea della maggioranza del Pd è la privatizzazione dei servizi fondamentali. Dobbiamo cooperare e scegliere gli strumenti democratici per individuare un comitato unico. Se devono essere le primarie le sosterrò, altrimenti troviamo un altro metodo. Certamemente abbiamo poco tempo”.

Sul M5s. “La retorica grillina sulla legalità è una delega alla tecnica e una rinuncia alla buona politica, con la corte dei conti che ti viene a controllare anche sotto la maglietta dentro casa –ha affermato Peciola-. Il M5S è sempre stato contro la cementificazione, ma la Raggi ha rilanciato sugli stadi di Lazio e Roma. E’ la dimostrazione del loro populismo, sono il partito del come tu mi vuoi. Sui campi rom hanno un impianto destrorso e legato a un’idea di sicurezza antica. Stanno civettando con la Lega su questo punto”.

Fonte: Radio Cusano Campus