Roma – Croppi: “Giachetti sarebbe un grande sindaco perché è autonomo”

Umberto Croppi, politico e saggista, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).




Croppi, dopo l’esperienza nella giunta Alemanno, sta dando il suo contributo alla campagna elettorale del candidato del Pd alle prossime elezioni comunali Roberto Giachetti. “Io mi occupo a tempo perso di politica, il mio lavoro è sempre un altro –ha affermato Croppi-. Analizzando la situazione romana e volendo impegnarmi ancora per questa città, ritengo che attualmente la candidatura di Giachetti sia la migliore. Siamo amici da più di 20 anni e credo che, se messo nelle condizioni giuste, può essere un grande sindaco per Roma. Innanzitutto deve vincere, e nelle condizioni in cui è il Pd a Roma, non è facilissimo riportare al voto il numero di persone sufficienti a far vincere il candidato del Pd. C’è una crisi di rigetto che si tocca con le mani nei confronti del Pd romano. Quindi per prima cosa vorrei aiutarlo a vincere e poi a governare. Alemanno e Marino sono caduti perché in maniera diversa hanno dovuto fare i conti con gli apparati dei partiti. Non vogliamo mettere in piedi non tante listarelle per raccattare qualche voto, ma fare un raggruppamento ampio che sia un partner del Pd nell’appoggio a Giachetti. Questo può essere uno strumento per convincere quelli che voterebbero Giachetti ma non il Pd. E poi questa forza di rappresentazione della città gli servirebbe per garantire la sua autonomia. Giachetti è uno spirito libero, persino troppo per certi aspetti, ha un carattere spigoloso. Per governare Roma bisogna avere un accordo forte con il governo quindi il fatto che sia stato indicato dal Presidente del Consiglio non è un limite, ma un grosso vantaggio. Sono le bande ad aver permeato i partiti a Roma, sostituendo una logica affaristica alle scelte politiche. E’ dal basso quindi che bisogna aiutare Giachetti ad essere autonomo. Non mi sto impegnando per avere un ruolo nella giunta di Giachetti.  Non me lo posso permettere perché fare l’assessore significa impegnarsi troppo e rinunciare al proprio lavoro principale”.

Sulla vicenda delle schede bianche ‘gonfiate’ alle primarie del Pd a Roma. “E’ stata una mossa da dilettanti allo sbaraglio –ha affermato Croppi-. Ciò dimostra che il Pd a Roma non ha più una tenuta vera, gli manca proprio la cultura politica”.

Sull’esperienza dell’amministrazione Marino. “Durante l’amministrazione Marino ci sono stati una serie di errori compiuti dal Pd –ha spiegato Croppi-. Che Marino non fosse in grado di governare si era capito già dai primi mesi e il Pd lo aveva capito subito. Era all’inizio che dovevano intervenire. Nel dicembre 2014 avevano avuto l’opportunità, dopo Mafia Capitale avrebbero dovuto sciogliere il Consiglio. Ma hanno avuto paura di andare al voto troppo presto e per 10 mesi hanno imbastito una difesa a oltranza di Marino creandogli un consenso che fino a quel momento non aveva, facendo credere a qualcuno che Marino era l’uomo del rinnovamento. Poi con il viaggio in America, gli scontrini, le piccole bugie, hanno capito che non potevano più tenerlo. E a quel punto era meglio fare un’autocritica, spiegando in aula i veri motivi dell’allontanamento, anziché dare vita a quella scena col notaio, con le firme quasi estorte. Hanno quindi creato tutti i presupposti per lo strappo con l’elettorato”.

Sul M5S e Marchini. “Il M5S è una monade chiusa in se stessa –ha affermato Croppi-, è impossibile dare alcun tipo di apporto. Al di là che ci sono persone preparate e anche simpatiche, il M5S non esprime alcuna capacità politica quindi sarebbe un rischio fargli governare Roma. Se vincono li mettiamo alla prova. Marchini mi ha cercato diverse volte, gli avevo spiegato che lo spazio elettorale che lui aveva è quello attuale. E’ una persona a cui per certi aspetti voglio anche bene, però non ha la struttura per fare il sindaco. Le sue possibilità elettorali non sono realistiche per arrivare al ballottaggio. E’ lo stesso Marchini delle scorse elezioni,  con un’immagine più consumata dal tempo. A meno che non si ritiri Bertolaso e si candidi lui col centrodestra”.

Fonte: Radio Cusano Campus