4 dicembre 2016

Roma – Onorato, Lista Marchini: “Su Affittopoli Marino mente, non ha fatto nulla”

Alessandro Onorato, esponente della Lista Marchini, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sullo scandalo Affittopoli. “Chiariamo –ha esordito Onorato- che io e Marchini nel febbraio 2015, dopo aver scoperto Affittopoli, abbiamo denunciato questo fatto all’Anac e alla Corte dei Conti. E’ vero che le affitto poli romane nascono 50 anni fa, ma il tema è un altro: lo scandalo esplose quando Marino decise di vendere i gioielli di famiglia e noi dicemmo che non andavano venduti ma gestiti meglio. Perché il patrimonio immobiliare non è dei sindaci, è dei romani. Noi dicemmo la cosa più semplice: mettiamo a reddito questi beni e quei soldi utilizziamoli per sistemare le strade e per i servizi sociali. Un anno fa ci dissero che eravamo dei pazzi visionari. Le persone che usufruiscono di questi affitti agevolati non sono tutti da condannare. Il problema non è il signore di 70 anni che vive con 600 euro di pensione. Io mi riferisco ai partiti che hanno sedi affittati a canoni irrisori e sono pure morosi, è questo che vogliono insabbiare. Le responsabilità sono dei sindaci. E’ evidente che c’è un patto tacito tra i partiti e sindaci per mantenere questi privilegi. I partiti di centrosinistra sono quelli che ne hanno di più. E dentro questi circoli ci sono associazioni con 20 deputati, che prendono fior fior di stipendi e non ci pensano nemmeno a sanare i debiti. In una città dove le buche sono peggio di Kaboul, non si può accettare che i soldi vengano buttati. Se Tronca vuole fare pulizia vada a recuperare i soldi da chi non paga, cacci gli irregolari e faccia nuove graduatorie. Questa città può cambiare e anche in poco tempo. Se Marchini diventa sindaco ha massimo un anno per risolvere questo problema”.

Marino dice che il censimento sugli affitti l’aveva già fatto lui. “Il censimento dei beni del Comune di Roma tuttora non esiste –ha affermato Onorato-. Sul web ci sono gli elenchi che Marino ha messo, dopo che l’abbiamo obbligato noi perché non voleva darci la documentazione. Oggi il punto non è se gli elenchi sono online o meno, il punto è che Marino dovrebbe dire in 3 anni che ha governato quante morosità ha recuperato e quanti inquilini irregolari ha mandato via. Ve lo dico io: nessuno. Su questo meccanismo lo stesso Tronca oggi non riesce ad arrivare a un punto”.

Sulle prossime elezioni comunali. “Marchini sarà il principale candidato alternativo al Pd –ha affermato Onorato-. Mentre gli altri parlano di alleanze e robe inutili, noi siamo consapevoli che la nostra città vive un’emergenza terribile e in una situazione del genere non ci può essere l’uomo solo al comando che risolve tutto. Non è che Marchini è il Messia che arriva e risolve tutto. C’è bisogno dell’unione dei migliori cervelli della nostra città creando un arco politico molto ampio, ma coeso per la realizzazione di un progetto concreto. Marchini ha detto che è disposto a confrontarsi alle primarie con chi vuole mettere in campo un’alternativa al Pd. Se poi qualcuno le vuole chiamare primarie del centrodestra a noi non appassiona questo concetto. Più che alla sigla accanto al nome di Marchini, le persone sono interessate ai progetti politici che Marchini vuole mettere in campo per risolvere i problemi della città. Se ci rinfacceranno che staremo con la destra? Ai romani ormai non interessano più le sigle e i partiti, nei partiti esistono anche le brave persone. Credo che la spinta innovativa che noi vogliamo dare a questa città può essere innescata da Marchini ma raccolta da una moltitudine di persone, di cui non ci interessa cosa votavano prima”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=486&dl=6614

Fonte: Radio Cusano Campus