9 dicembre 2016

On. Romano, PD: “Nessun editto bulgaro, ma Giannini e De Bortoli hanno sbagliato, vi spiego perchè”

Andrea Romano, deputato del pd, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Il Pd fa scoppiare il caso Massimo Giannini. Il conduttore di Ballarò è accusato dal deputato Michele Anzaldi che ha addirittura chiesto sia licenziato per aver definito “incestuoso” il rapporto tra Renzi e la Boschi. L’ex direttore del Corriere Della Sera Ferruccio De Bortoli ha difeso il collega affermando che il Pd vuole epurare i giornalisti.De Bortoli sbaglia su due punti –ha replicato Romano-. Il primo punto è che l’opposizione c’è ed è anche molto rumorosa, a volte come nel caso dei 5 stelle dice no a tutto. Sbaglia poi sul termine “incestuoso” che Giannini ha usato. Non era una critica, era un’affermazione precisa e pesante. Dovrebbe spiegarla. Anche De Bortoli tempo fa parlava del governo Renzi che aveva un odore di massoneria. Se un giornalista importante come lui scrive certe cose, deve spiegarle. Se Giannini ha sbagliato dica che è stato mal interpretato. Se io dico che qualcuno ha rubato, ho il dovere di spiegare perché ha rubato. Stimo Giannini e sono convinto che sia incorso in un equivoco, un incidente di percorso. Spero che voglia spiegare quello che voleva dire. Ma non facciamo paragoni del tutto impropri come ha detto Saviano che ha parlato di editto bulgaro. Non ci sarà nessuna conseguenza su Giannini, sono pronto a scommetterci. In questo Paese si critica tutto, è mai possibile che l’unica cosa che non si può criticare è la stampa? I media devono smettere di pensare di essere  l’unico potere esente da critiche. Se li critichi dicono che siamo nel fascismo. Grillo ha detto che la Rai è fascista, mi sarei aspettato che De Bortoli dicesse qualcosa in proposito. Il fascismo i giornalisti li ammazzava. Come diceva Nanni Moretti le parole sono importanti”.

Riguardo un tweet di Romano su Verdini risalente a due anni fa. “Non mi sento a disagio perché quello che scrissi in quell’occasione su Verdini lo rivendico –ha affermato Romano- Verdini, avendo partecipazioni bancarie importanti, aveva il segno di una commistione tra politica e banche. Io ero capolista in toscana di Scelta Civica e ho fatto campagna elettorale contro Verdini. Capisco che lui susciti molte antipatie dal punto di vista antropologico. detto Gotor ha detto che è ‘antropologicamente diverso’. Capisco certe critiche ma non le condivido. La politica non è antropologia, è politica. Una parte dell’ex Pdl ha sostenuto le nostre riforme, che è coerente con quello che abbiamo sempre detto, cioè che le riforme costituzionali andavano condivise il più possibile. Verdini non entrerà nella maggioranza, tantomeno nel Pd. Però non è che possiamo rifiutare i voti o dirgli di votare la mozione di sfiducia contro il governo perché lui è diverso antropologicamente. Mi sembra una questione sull’antropologia politica che secondo me non ha alcun fondamento. Io ho fatto campagna elettorale contro Verdini e sono in un partito che non avrà Verdini al suo interno. Non credo e non penso che questo governo debba seguire un percorso di ‘purezza’ che appartiene a un altro mondo politico, antico. La politica è fatta anche di alleanze. Non possiamo certo bloccare il percorso delle riforme perché a Gotor non piace Verdini”. 

Sulla copertura delle statue di nudo ai Musei capitolini. “E’ stata un’enorme stupidaggine a coprire le statue durante la visita di Rohani –ha affermato Romano-. E’ stata una cosa irragionevole e sbagliata. Sarebbe bastato farlo passare da un’altra parte e anche se fosse stato necessario farlo passare da lì è comunque una stupidaggine coprire le statue”.

Sui migranti. “La decisione della Danimarca –ha spiegato Romano- mi preoccupa perché riguarda i richiedenti asilo, persone che scappano da una guerra, che arrivano sulla spinta della disperazione. Sequestrare i beni a loro è una visione molto egoistica, per la quale il welfare danese non dev’essere in nessun modo condiviso con persone disperate. Spero che questa visione non contagi anche altri Paesi. Il caso della Svezia è diverso, lo abbiamo fatto anche noi di rimpatriare i migranti economici che non hanno diritto di vivere in un Paese. Dovremmo praticarli meglio anche noi i rimpatri, solo che la Libia non ha un governo quindi non può né controllare i flussi né i rimpatri. Per questo ci stiamo battendo per avere un governo stabile in Libia. Dal Nord Europa spira un vento preoccupante di egoismo, di chiusura nazionalistica, di critica all’Europa. Il Nord Europa è parte dell’Europa e insieme a noi deve affrontare l’emergenza immigrazione”.

Elezioni amministrative. “Al momento Giachetti è il candidato più visibile –ha spiegato Romano- Dopodichè, io sono convinto che ci saranno altri autorevoli candidati e le primarie ci saranno in ogni caso. Devono essere primarie muscolari che servono al partito. Il candidato del M5S a Milano ha vinto con 74 voti e adesso si trovano un candidato debole. Giachetti è un’ottima candidatura e lavoriamo perché ci siano candidati forti alle primarie. Il Pd è l’unico partito italiano che fa primarie serie”.

Fonte: Radio Cusano Campus