3 dicembre 2016

Salva banche, Sen, Airola, M5S: “”Vogliono far passare le vittime come speculatori. Indubbia complicità del sistema politico”

Il Sen. Alberto Airola (Movimento 5 Stelle) è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Circa 200 piccoli azionisti e obbligazionisti Banca Marche, Etruria, Carife e CariChieti, finiti sul lastrico a causa del decreto Salva Banche varato il 22 novembre, hanno manifestato contro il governo in piazza Montecitorio. “I cittadini hanno investito dei risparmi e li stanno vedendo andare in fumo –ha affermato Airola-. Invece sono stati chiamati speculatori da alcuni media o da alcune persone sui social network. Non sono speculatori perché non stanno facendo un gioco finanziario, ma hanno acquistato delle obbligazioni che gli sono state proposte come un investimento sicuro. Sono stati beffati due volte, sono stati anche considerati come quelli che rischiano e speculano sulla finanza”.

“Si è rotto il rapporto fiduciario tra i cittadini e le banche –ha aggiunto Airola-. I cittadini si vedono di colpo a pagare un debito che ha fatto qualcuno nella banca, qualcuno che evidentemente non amministra bene. C’è un’indubbia complicità del sistema politico col sistema bancario per portare avanti interessi che non sono quelli dei cittadini. C’è un filo conduttore tra i governi Berlusconi-Monti-Letta e Renzi. Qualsiasi parassita sa che se uccide l’organismo a cui succhia il sangue muore anche lui. Qui si sta distruggendo l’economia del Paese, non c’è un programma di salvezza. Bisogna prevedere sanzioni pesanti per chi fa determinati reati. Ma qui siamo all’opposto”.

Alla Camera, in commissione Bilancio, è intanto iniziato il voto sugli emendamenti alla legge di Stabilità. E’ in quella sede che l’esecutivo intende, come ha anticipato Matteo Renzi, presentare una proposta mirata a dare qualche forma di sollievo a un particolare tipo di obbligazionisti. “Sono le solite mance alla Renzi –ha affermato Airola-. Il premier fa come ha fatto coi pensionati, gli scippa 1500 euro di pensione e gliene dà 500 facendoli passare come bonus”.

Fonte: Radio Cusano Campus