6 dicembre 2016

Roma – Giubileo, la comica Francesca Fornario: “Da romana non mi spaventa”

Francesca Fornario, comica di “Un giorno da pecora” su Radio2 e giornalista per testate come Il Fatto Quotidiano e Il Manifesto, è intervenuta su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it), nel corso del nuovo format LINGUE A SONAGLI condotto dal cantautore Bussoletti che andrà in onda il prossimo sabato alle 14.

Fresca di pubblicazione da parte di Einaudi del libro “La banda della culla” che sta riscuotendo ottimi consensi, ha detto la sua sui rischi che comporterebbe il Giubileo a Roma in questa ondata terroristica e non solo. Vi diamo qualche anticipazione.

Sull’opportunità del Giubileo a Roma: “Il Giubileo in arrivo non mi spaventa anche se abito vicino al Vaticano. Quello che purtroppo hanno dimostrato gli attentati di Parigi è che non hanno colpito una chiesa, non hanno colpito un simbolo religioso, ma hanno colpito la libertà. Persone che andavano a cena in un ristorante economico. Non credo perciò che il Giubileo sia un simbolo più religioso agli occhi di questi invasati criminali”.

Sui fatti di Parigi: “Sono stati la prova che Dio non esiste perché sennò non non si spiega. O è cattivo o, come pensavo io a sette anni, è imbranato. Non penso che questa sia una guerra di religione. Penso invece che ci siano delle persone che, in nome di un loro Dio, uccidono perché sono fanatiche, violente e infelici.

Sui terroristi: “La condanna dei loro gesti è assoluta e non c’è neanche da parlarne. Dico solo chebisogna comprendere, però, le ragioni storiche di chi ha compiuto questi gesti. Penso che molti hanno paura ad esprimere questo pensiero che è anche banale in fin dei conti ma ricordiamoci quel che dice Woody Allen: la pornografia è l’erotismo degli altri”.

Su Ignazio Marino: “La vera buccia di banana su cui è scivolato sono le unioni civili, tanto che il Papa era visibilmente stizzito con lui. Anche la chiusura della discarica di Malagrotta non ha giocato a suo favore”.

Spiegazione a Salvini di cosa sia un libro: “Salvini, allora il libro è quell’oggetto che tu devi tirare fuori da sotto la gamba del tavolo anche se poi il tavolo balla. Lo prendi in mano, lo apri e lo sfogli e vedrai che sopra ci sono dei segnetti… quei segnetti sono delle lettere. Si può leggere. Salvini, si può leggere con le parole una dopo l’altra. No, non è il Corano. Stai calmo. Non lo leggono più il Corano i terroristi. Per fomentarsi leggono Libero… fanno prima”.

Fonte: Radio Cusano Campus