7 dicembre 2016

Terrorismo, il Sottosegretario alla Difesa: “Nessun Paese è esente da rischi”

Domenico Rossi, Sottosegretario alla Difesa, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Nel momento in cui scende in campo il terrorismo in una maniera così virulenta – ha affermato Rossi – nessun Paese è esente da rischi. I rischi si possono combattere con la prevenzione, quindi con maggiore intelligence e maggiori forze in grado di controllare il territorio. La pianificazione inizia con quelli che possono essere i punti più sensibili, ma non esime anche da tutti gli altri potenziali obiettivi”.

Il problema della Libia non nasce adesso, – ha spiegato Rossi – è un problema annoso. Che ci siano dei rischi in Libia è noto. La Libia è ancora nella piena attenzione dell’Onu e solo attraverso un processo di riunificazione generale si può pensare di intervenire anche contro le cellule dell’Isis. Fin quando non ci sarà questa possibilità di riunire a un tavolo unico le varie fazioni, è evidente che l’Isis avrà capacità di penetrazione. Non credo però si possa bocciare il lavoro di diplomazia fatto finora da Bernardino Leon”.

La possibilità che terroristi si possano infiltrare fra gli immigrati che sbarcano in Italia non si può escludere. –ha affermato Rossi – Però da parte delle forze delle Polizia si è intensificata l’opera di identificazione, e l’Intelligence sta rafforzando la sua azione. Questo è un quadro che, anche se non esclude totalmente il rischio, lo riduce di molto”.

Per quanto riguarda l’Afghanistan – ha spiegato Rossi – c’è stata una pianificazione che riteneva che le forze armate afghane fossero in grado di sostenere una certa situazione conflittuale che potevamo immaginare. Poi a livello internazionale ci siamo accorti che non è ancora così. E’ evidente che nel momento in cui dobbiamo lasciare un Paese, dobbiamo lasciarlo nelle condizioni di avere un’autonomia nella difesa e nella sicurezza, autonomia che ancora non c’è. Stiamo proponendo in Parlamento il decreto missioni, che sarà esaminato in questi giorni. Crediamo che l’operazione debba essere condotta fino alla fine, per evitare che accada ciò che è successo in Iraq, dove forse un ritiro troppo precoce ha generato una situazione di conflittualità. Ormai la minaccia non va esaminata come minaccia di carattere locale, bensì globale”.

Fonte: Radio Cusano Campus