5 dicembre 2016

Tagli alla sicurezza, Maccari: “Alfano porta sfiga, peggio di lui solo il suo predecessore che era sempre lui”

Franco Maccari, Segretario generale del sindacato di polizia Coisp, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

Sui nuovi tagli ai fondi per la sicurezza disposti dal Governo. “Questi tagli si ripercuotono sui cittadini in maniera pesante –ha affermato Maccari-, perché riguardano la sicurezza delle persone. Noi siamo sempre figli dell’opposizione e orfani del governo. Noi abbiamo visto il Ministro dell’Interno una volta sola, ci ha chiamato due volte dicendoci che non ci avrebbero bloccato i contratti e invece poi ce li hanno bloccati, porta pure sfiga. Era dai tempi di Berlusconi che non vedevamo tutti questi tagli alla sicurezza. Da una parte però si va in tv a dire che l’Italia è un Paese felice, che va tutto bene. Oggi una signora di oltre 80 anni è stata uccisa in casa da rapinatori e sono situazioni che capitano tutti i giorni. Ormai siamo talmente abituati che sembra che siamo obbligati a pagare questo scotto. Mi fa sorridere che il ministro va a dire che hanno assunto 2500 uomini delle forze dell’ordine, omettendo che solo in polizia ci sono stati 3000 pensionamenti. Peggio di così siamo stati solo col predecessore di Alfano, e il predecessore era sempre lui”.

Sulle polemiche all’indomani della manifestazione della Lega Nord a Bologna per il rilascio di tre giovani dei centri sociali che protestavano contro il raduno leghista, fermati durante gli scontri con la polizia. “Alfano ha detto che lui li ha arrestati e i magistrati lo hanno rilasciato, e la piazza giudicherà”. Lui non ha arrestato nessuno perché noi non ci sentiamo rappresentati da lui –ha affermato Maccari- e non è la piazza che deve giudicare, è lo Stato.

Fonte: Radio Cusano Campus