5 dicembre 2016

Il Papa denuncia la vergogna del lavoro nero e del precariato. Diritto al lavoro, diritto al riposo

Pope Francis waves to faithful as he arrives for his weekly general audience at the Vatican, Wednesday, Oct. 2, 2013. (AP Photo/Andrew Medichini)

«È vergognoso!»: non usa mezzi termini Papa Francesco davanti alle situazioni «di disoccupazione, di ingiustizia sociale, di lavoro nero, di precarietà» così «tanto forte» oggi nel mondo, in Italia e nella stessa Roma. Una sottolineatura aggiunta a braccio al discorso preparato per i ventitremila dipendenti e dirigenti dell’Istituto nazionale di previdenza sociale (Inps), giunti da tutta Italia per l’incontro di sabato mattina, 7 novembre, in piazza San Pietro.

Francesco ha voluto contestualizzare la sua riflessione — tutta incentrata sul «diritto al riposo» — calandola «nella società odierna, con la criticità dei suoi equilibri e la fragilità delle sue relazioni», e nel mondo del lavoro, «piagato dall’insufficienza occupazionale e dalla precarietà delle garanzie che riesce a offrire». Ne ha fatto allora scaturire un interrogativo che interpella le coscienze: «Se si vive così — si è chiesto — come si può riposare? Il riposo è il diritto che tutti abbiamo quando abbiamo lavoro». E invece sono sempre più i disoccupati, i disperati pronti ad accettare qualsiasi impiego a qualsiasi condizione, subendo ingiustizie e prevaricazioni che il Papa non ha esitato a definire vergognose.

Ribadendo che «la pensione è un diritto», il Pontefice ha denunciato gli «estremismi aberranti» a cui sono giunte spesso ipotesi e negoziazioni riguardanti la conclusione dell’attività lavorativa e il successivo periodo di riposo. Ha poi evidenziato la necessità di «sovvenzioni indispensabili per la sussistenza dei lavoratori disoccupati e delle loro famiglie» e ha raccomandato «un’attenzione privilegiata per il lavoro femminile, nonché quell’assistenza alla maternità che deve sempre tutelare la vita che nasce e chi la serve quotidianamente».

«Il lavoro — ha affermato Francesco in conclusione — non può essere un mero ingranaggio nel meccanismo perverso che macina risorse per ottenere profitti sempre maggiori». E «non può dunque essere prolungato o ridotto in funzione del guadagno di pochi e di forme produttive che sacrificano valori, relazioni e princìpi».

Il discorso del Papa

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5950 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.