3 dicembre 2016

Italicum, Lauricella: “M5S si contraddice prima erano d’accordo con me. Bisogna evitare l’effetto Parma”

Giuseppe Lauricella, deputato Pd, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Lauricella  ha presentato una proposta di legge per modificare l’Italicum eliminando il ballottaggio. Il Movimento 5 stelle ha criticato questa impostazione, parlando di clausola anti-5 stelle. “Il M5S è in contraddizione con se stesso –ha affermato Lauricella-. Io tempo fa presentai un emendamento che riproponeva il contenuto della proposta di legge che ho presentato 3 giorni fa, cioè un sistema senza ballottaggio. In quel momento il m5s sostenne il mio emendamento dicendo che se non fosse stato approvato si sarebbe andati verso una deriva autoritaria. Ora hanno cambiato idea. Adesso dicono che questa mia proposta è un attentato alla democrazia. Si decidano”.

“Bisogna evitare l’Effetto Parma –ha spiegato Lauricella-. Con effetto Parma non mi riferisco al M5S, ma al sistema del ballottaggio. A Parma è successo che due liste sono andate al ballottaggio, una con il 17% e l’altra con il 44%, poi al ballottaggio ha vinto la lista che ha preso il 17%. Sul piano della Camera, se si verificasse una cosa di questo tipo, ci sarebbe una sproporzione tra consenso effettivo e numero di seggi che già la corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale a proposito del Porcellum. Stiamo mettendo a rischio il sistema, esponendo la legge elettorale ad un possibile problema di incostituzionalità per quanto riguarda il ballottaggio”.

“Renzi non è d’accordo con la mia proposta –ha sottolineato Lauricella- infatti io l’ho presentata senza consultare il governo. Ritengo da sempre che il ballottaggio è fuori luogo in un sistema di elezione della Camera. Al mondo non esiste un sistema di questo tipo per la camera. In Francia si elegge una parte dell’assemblea nazionale con il ballottaggio, ma di collegio, non nazionale. Solo nei sistemi presidenziali o semi-presidenziali va bene, perché si sceglie una persona, non dei rappresentanti. Il parlamento deve essere formato in maniera equilibrata. Quando decideremo di passare dal sistema parlamentare a quello presidenziale, allora il ballottaggio può andare bene. Il ballottaggio nel nostro sistema è anomalo, crea confusione”.

Fonte: Radio Cusano Campus