3 dicembre 2016

Caso Uva, Lucia, la sorella: “Muri di omertà riguardo il processo, giornalisti scrivono ciò che fa comodo”

Una immagine del cadavere di Giuseppe Uva, morto nel 2008 nell'ospedale di Varese dopo che era stato fermato dai carabinieri ubriaco per strada. ANSA/ENZO LAIACONA/DRN

Lucia Uva, sorella di Giuseppe (43enne morto a Varese nel 2008 dopo aver trascorso parte della notte nella caserma dei carabinieri), è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Buio in sala”, condotta da Piercarlo Fabi, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Sono venuti fuori tanti sviluppi in aula –ha dichiarato Lucia Uva-. Però molti vogliono raccontare solo ciò che fa comodo a loro. Si è venuto a sapere che Giuseppe è stato ammanettato nella caserma, in una stanza piena di poliziotti intorno a lui. Mio fratello era legato a una sedia. Però nessuno l’ha scritto sui giornali di Varese, perché ci sono quei muri di omertà sulla vicenda processuale. Io però riuscirò ad abbatterli questi muri. A loro interessa solo dire che Uva era aggressivo, era violento. Nessuno ha detto che Giuseppe quella notte era stato legato a una sedia e ammanettato, quindi come faceva a fare gesti autolesionisti?”.

Sul Pubblico Ministero Agostino Abate. “Dai pm non mi aspetto niente, ma ho fiducia nei giudici –ha spiegato Lucia Uva-. Il pm Abate manderà in prescrizione tutti i reati, ma una cosa è certa: finita la battaglia per Giuseppe, io inizierò la mia battaglia contro Abate. Mi ha rinviato a giudizio per diffamazioni per due mie interviste. Non è possibile che noi vittime veniamo condannate e gli imputati diventano vittime”.

Sui sindacati di Polizia. “Una cosa che mi ha mandato in bestia –ha dichiarato in lacrime Lucia Uva- è Gianni Tonelli del Sap (sindacato autonomo polizia) si è permesso di dire che mio fratello è morto perché era stato abbandonato dalla famiglia. Io lo querelerò perché non è vero, io non ho mai abbandonato Giuseppe. Non permetto a Tonelli di parlar male di mio fratello. Si metta in testa che continuerò fino all’ultimo respiro a voler sapere cosa è successo in quella caserma. Devono avere il rimorso di coscienza, come ce l’ho io perché quel maledetto giorno sono partita. Se io fossi stata a casa avrei potuto vivere l’ultimo respiro di Giuseppe”.

C’è una parte del film “Viva la sposa!” di Ascanio Celestini che fa riferimento al Caso Uva. “Ho visto il film –ha affermato Lucia Uva-. Penso che Ascanio Celestini abbia avuto molta delicatezza nell’interpretare la storia di Giuseppe. Il film è molto delicato e molto bello. Ascanio ha voluto raccontare come vivono le persone disagiate come Giuseppe, che aveva problemi con l’alcol. Il film non è contro le forze dell’ordine, anche se i sindacati di polizia come al solito hanno fatto polemica e si sono sentiti tirati in ballo”.

Fonte: Radio Cusano Campus