7 dicembre 2016

Roma – Bisfneolo A nei biglietti dell’ATAC, ancora nessuna risposta

E’ passato più di un anno da quando il M5S Roma è venuto in possesso di una copia del documento “ATAC – Indagine titoli di viaggio” commissionata dall’ATAC stessa ad un pool di ingegneri ed esperti e consegnata all’ATAC nel giugno del 2012. In questo documento è scritto e documentato (anche con documenti della Mitsubishi) che i BIT, i titoli di viaggio conterrebbero Bisfenolo A.

Da oltre un anno infatti, il M5S capitolino ha cercato di sapere se i cittadini romani e, soprattutto, gli addetti al controllo dei biglietti a terra e sui mezzi ma anche i rivenditori, sono stati intossicati consapevolmente dal maneggio di titoli di viaggio di Atac contenenti bisfenolo A.

A nulla è servito l’impegno del M5S Roma che consegnava all’Istituto Superiore di Sanità (ISS), la richiesta di effettuare l’analisi chimica su tre BIT. Nonostante le ripetute richieste di informazioni che si sono succedute, alcuna informazione è pervenuta sulla presenza di Bisfenolo A in quei biglietti.

Neanche con la risposta dell’Assessore ai Trasporti alla nostra interrogazione si è riusciti a far luce sulla vicenda poiché si riporta solo una precisazione dell’Amministratore delegato ATAC, ma non viene fornito alcun documento comprovante la composizione chimica dei biglietti.

Anzi nella relazione finale della Commissione capitolina sugli illeciti ATAC, presieduta da Enrico Stefàno (M5S) si legge a pagina 3 di una garanzia scritta rilasciata dalla Mitsubishi sull’assenza del prodotto chimico in questione. Ma il documento non è stato allegato alla Relazione.

“Ci chiediamo quanto altro tempo dovrà passare per capire se su un tema così importante l’Assessore alla mobilità ha delle responsabilità o si è sbagliata la dirigenza ATAC o sia stato invece il gruppo di esperti che ha consegnato il documento del giugno 2012 a sbagliare le analisi. E quanto tempo occorra ancora per avere le risposte dall’Istituto Superiore di Sanità alle nostre richieste sulla presenza o meno del Bisfenolo A sui titoli di viaggio di Atac.”