Mussolini: “AMA: evidente incapacità grillina, ma doverosa autocritica degli amministratori precedenti”

bdr



Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia e Vice
Presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma
Capitale, esprime la propria opinione riguardo la situazione della raccolta
rifiuti a Roma. A farle eco anche Federico Rocca, responsabile nazionale
Enti Locali di Fratelli d’Italia, e Andrea Iacovitti, vice Presidente del
Comitato Le Valli – Conca d’Oro.

Le parole di Rachele Mussolini

«Mentre la Giunta Raggi prosegue con annunci sui risultati della raccolta
differenziata, la scena alla quale i romani sono costretti ad assistere
quotidianamente non cambia: la città, in periferia come al centro, continua
a essere letteralmente sommersa dall’immondizia e dal degrado che a
questa si accompagna.

Dei cassonetti intelligenti, continuamente menzionati nei proclami
pentastellati, nemmeno l’ombra, mentre gli altri raccoglitori continuano
a traboccare. Ridotto all’osso anche il numero dei mezzi che l’Ama
dovrebbe impiegare per la pulizia delle strade e per le operazioni di
raccolta dell’immondizia: ad uscire su strada, infatti, soltanto il 60% del
totale, una vera inezia rispetto alle necessità di un’area vasta come quella
capitolina. Che dire, poi, di impianti come il TMB di Via Salaria che
dovrebbero garantire il compostaggio dei rifiuti e che, invece, a causa di
un inconsistente piano di manutenzione, regalano alla città miasmi e
condizioni invivibili?

A fronte dell’evidente responsabilità dell’attuale Giunta, che ha tolto a Roma la dignità di capitale europea per relegarla a girone dantesco, ritengo, tuttavia, indispensabile che tutti gli attori precedentemente impegnati sulla scena politica debbano farsi un esame di coscienza e compensare con una sana autocritica almeno un po’ di quella supponenza che ha animato oggi la Commissione Trasparenza.

Quello che trovo grave è che avremmo dovuto parlare del bilancio dell’Ama mentre per oltre due ore abbiamo sentito, per voce del Pd, domande sempre identiche alle quali veniva risposto nello stesso modo.

Voglio capire per quale motivo la situazione igienico-sanitaria della nostra città è ormai allo sbando e perché non si raccoglie l’immondizia, voglio notizie in merito alla totale mancanza di investimenti previsti invece dal piano industriale, mi aspetto chiarimenti circa la reale esistenza ed esigibilità del credito dovuto alla mancata riscossione della Ta.ri. per 94 milioni di euro e di quello dovuto ai servizi cimiteriali per ulteriori 18 milioni di euro, voglio rassicurazioni sul fatto che non sono stati impiegati invano i fondi per la realizzazione del termovalorizzatore di Colleferro che, stando alle notizie provenienti dalla Regione, va verso lo spegnimento.

Non essendo riuscita ad averli in Commissione Trasparenza, li cercherò in altre sedi. Augurandomi che, nel frattempo, quest’Amministrazione cambi passo, perché in alternativa finiremo sommersi dai rifiuti».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.