Scuola, i libri si aggiornano e Dante e Manzoni finiscono al macero 

Scuola, i libri si aggiornano e Dante e Manzoni finiscono al macero 



Montagne di libri quotidianamente gettati nei cassonetti. Compresi “I Promessi sposi” di Manzoni e “La Divina commedia” di Dante Alighieri. Altri, a centinaia, finiscono in furgoni come carta utile per essere riciclata. Succede ogni giorno a Roma a ridosso dei mercati di compravendita dei testi scolastici usati. Ad esempio in quello di via dei Colli Albani, animato da una dozzina di commercianti ambulanti specializzati nel settore.

La denuncia da parte dell’Unsic

A denunciare e ad immortalare il non esaltante spettacolo di centinaia di libri che finiscono nei secchioni insieme ad avanzi di cibo o a vecchie cassette per la frutta è un sindacato datoriale, l’Unsic, con oltre duemila Caf in tutta Italia.
“Alle radici del fenomeno c’è il continuo aggiornamento delle edizioni dei libri e dei dizionari scolastici – spiega Giampiero Castellotti, responsabile della comunicazione del sindacato. “Le famiglie si presentano al mercatino per provare a vendere i testi dello scorso anno, ma questi spesso sono già fuori commercio – continua. “Per non portarsi dietro un peso amaramente senza valore commerciale, i più si disfano in questo modo non solo dei libri scolastici fuori commercio, ma anche di atlanti, vocabolari, testi greci e latini, persino di volumi classici della letteratura, compresi ‘I Promessi sposi’ o ‘La Divina commedia’ non più accettati dai docenti perché privi, ad esempio, del cd allegato con la nuova edizione”.
Il sindacato avanza una semplice proposta per evitare che ciò si ripeta: un grande contenitore raccogli-libri fornito dall’Ama e l’offerta del prezioso carico a biblioteche disponibili. Soprattutto quelle, specie nel Mezzogiorno, che non hanno più fondi per comprarne di nuovi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.