Codacons: circa 10 milioni di italiani festeggeranno quest’anno Halloween

Circa 10 milioni di italiani festeggeranno quest’anno Halloween, ricorrenza tipica americana che si celebra la notte tra il 31 ottobre e l’1 novembre. Le stime arrivano dal Codacons, che lancia tuttavia l’allarme contraffazione e denuncia possibili rischi per la salute umana.
10 milioni di italiani festeggeranno Halloween in locali o discoteche, partecipando a feste a tema, acquistando travestimenti o semplicemente decorando la propria abitazione con zucche e altri gadget ad hoc – spiega l’associazione – La spesa complessiva nel nostro paese appare quest’anno in leggera salita e si attesterà sui 310 milioni di euro. Ancora una volta saranno giovani e bambini i veri protagonisti di Halloween: oltre due terzi del business legato alla ricorrenza è generato proprio da persone al di sotto dei 30 anni di età.
In occasione della festa di Halloween, tuttavia, il mercato italiano viene inondato di prodotti contraffatti dedicati a questa festività, come maschere, zucche finte in tutte le varianti, cosmetici e costumi. Tonnellate di merce fuorilegge proveniente dall’estero e con marchio CE falsificato, che finisce in vendita e rappresenta un potenziale pericolo per gli utenti, specie quando si tratta di prodotti alimentari o che entrano in contatto con la pelle, come maschere, costumi e cosmetici. Allarme anche per le lenti a contatto colorate che registrano un picco delle vendite nel periodo di Halloween e che, se non a norma, possono produrre danni anche irreversibili alla vista.
Per questo il Codacons chiede alle autorità sanitarie di incrementare i controlli in occasione di Halloween su tutto il territorio, attraverso i Nas e la Guardia di Finanza, allo scopo di bloccare la vendita di materiale contraffatto e tutelare la salute dei cittadini.

 

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9896 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*