Mari Lapi, esce Tra me e il mare, nove canzoni di cantautorato pop

Il mare c’è sempre, in ogni mio giorno. Anche nella quotidianità più intensa di Nuoro dove vivo ora; anche nella Milano più indaffarata dove torno spesso, nei passi più svelti e nervosi. Mi basta fermarmi un istante, imbracciare una chitarra, lasciar volare le note: eccolo, il mio mare, il mio altrove più bello.

Un altrove all’insegna di un cantautorato pop lontano dalle malinconie autunnali quello di Maria Lapi e del suo nuovo disco “Tra me e il mare”, in uscita oggi in formato fisico e digitale a sette anni dal debutto con “Ignote melodie”.

Anticipato dal video del singolo title-track disponibile su Youtube, “Tra me e il mare” è un lavoro che si potrebbe definire “Mediterraneo”, sui rivoli di un suono acustico che evita qualsiasi deviazione etnica e si concentra sulla semplicità di un songwriting leggero, pensoso e incantato, “un planare sulle cose dall’alto, senza macigni sul cuore”, come lo descrive Maria Lapi citando Italo Calvino. Senza arrendersi al disincanto o rinunciare al sorriso, cercando invece negli angoli più attesi un frammento di magia.

“Tra me e il mare” si avvale degli arrangiamenti semplici ed essenziali, senza particolari invenzioni o sofisticherie, di Samuele Rampani, fra acustiche a dettare melodie e ritmi, lievi quadrature di batteria, violoncelli in ruvidi volteggi e una tromba che diffonde melodie evocative. E’ lui, insieme ad Antonio “Cooper” Cupertino, ad avere curato anche la produzione artistica di un disco volutamente corto (meno di mezz’ora), nove brani in punta di piedi fra cui una cover di “Conversazione” di Mina. Tracce che vogliono sfiorare, sussurrare, regalare pensieri morbidi adagiati sulla quotidianità, distillando parole e suoni come se l’intento fosse quello di consegnare a chi ascolta il proprio tempo migliore.

Link
http://www.marialapi.com

 

Stefano Manduzio
Informazioni su Stefano Manduzio 401 Articoli

Surfista, videomaker, speaker e ideatore di Radio Fregene. Tra strumenti musicali, una mano di cera sulla tavola, un rendering sul Mac per preparare un video la sua giornata sembrerebbe piena e caotica, ma che in realtà è gestita dai ritmi della terra.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*