Femminicidio, strage senza fine. Governo immobile

Ormai le morti per femminicidio non si contano più, una vera e propria strage senza fine. Altre 5 donne in poche ore uccise e o in fin di vita. In questi mesi del 2017 già 120 vittime. Una vera e propria mattanza che va dalle Alpi alla Sicilia. E’ necessario mettere immediatamente in atto un piano di prevenzione. Dopo la delega alle Pari opportunità alla ministra Boschi il buio più totale. La lotta al femminicidio scomparsa dai radar del governo. E il silenzio di queste ore della Boschi è emblematico. Ministra Boschi se ci sei batti un colpo.

Per ora il risultato di questa legislatura contro il femminicidio è il seguente: nessun finanziamento ai centri antiviolenza, nessuna azione preventiva contro il fenomeno. Così non si va avanti, così non è giusto andare avanti. La violenza di genere deve essere affrontata come fenomeno strutturale. Per combattere questo fenomeno è necessario puntare sulla prevenzione e introdurre l’educazione all’affettività nelle scuole. In Parlamento giace la proposta di legge di Sinistra Italiana, di cui sono prima firmataria, per l’inserimento dell’educazione sentimentale nelle scuole di primo e secondo grado. Solo l’Italia e la Grecia non la prevedono all’interno del proprio ordinamento scolastico, mentre la prevede la Convenzione di Istanbul che l’Italia ha ratificato e non ha mai applicato. Le leggi da sole non bastano: serve una svolta culturale e fondi adeguati.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9846 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*