Roma, Maritato, Assotutela: “Raggi, sveglia. Non si aspetta il Natale di Roma per stringere patti con i cittadini”

 “E’ quasi un anno ormai che la sindaca Raggi è stata eletta. Ed oggi, in occasione del Natale di Roma, si ricorda che è necessario stringere un patto con cittadini, con il governo, i turisti e il mondo imprenditoriale per rilanciare la Capitale. La domanda sorge spontanea: ma un patto per Roma e i romani non era stato stipulato durante la campagna elettorale? Circa un anno fa non era stato fatto credere agli elettori che la città sarebbe radicalmente cambiata?”. Lo dice Michel Emi Maritato, presidente di Assotutela. “In realtà nulla è mutato – dice Maritato – anzi, le condizioni generali della città sono peggiorate. Basta guardare le strade invase regolarmente dai rifiuti, basta utilizzare il trasporto pubblico per constatare quanto sia inefficiente, basta ricordare le continue incursioni dei topi. E che dire della mobilità sostenibile? Non c’è traccia di un piano che sia in grado di migliorare la qualità della vita dei romani. In questo periodo l’unica cosa che a Roma esiste in gran quantità è il nulla, il nulla amministrativo”. “Ben vengano quindi i patti tra cittadini, politica e mondo imprenditoriale – conclude Maritato – ma che siano reali, concreti, e che contengano ricadute positive per la collettività. A noi invece sembra che l’odierna uscita della sindaca Raggi sui social, sia l’ennesima storia contenuta nel suo personale libro dei sogni. Roma ha una storia millenaria. Roma deve essere una capitale europea, ma fino ad oggi i cinque stelle sono stati soltanto in grado di umiliarla. Ma Roma risorgerà e nei libri questa parentesi pentastellata sarà ricordata con un minuscolo paragrafo, come un incidente di percorso, come il punto più alto dell’incapacità amministrativa registrata in 2770 anni di storia”. Michel Emi Maritato

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*