Frank Polucci, dal rock demenziale al jazz all’Indie per poi approvare a The Voice of Italy

 

Francesco, in arte Frank, nella vita fa il musicante, suona per vivere. Dopo qualche anno all’estero adesso riesce a farlo anche in Italia, fa serate, anche grazie alla loop station che gli ha permesso di rimettersi in discussione. In media fa 3 serate a settimana, oltre che come solista, suona in più formazioni e ha anche qualche allievo di canto. Ha cambiato un sacco di generi: con il primo gruppo facevano un rock demenziale tipo Elio e le Storie Tese, all’inizio suonava solo la chitarra, nelle varie formazioni, e faceva i cori, poi si rese conto che doveva cantare. Nel primo gruppo, dove era solo cantante, cantava i Pantera e i Metallica. Non aveva tecnica, non studiava, proviene dal mondo dei Tool, A Perfect Circle, poi ha conosciuto Jeff Buckley ed è avvenuta la trasformazione. Il salto è grosso ma lo spettro della musica che gli piace è abbastanza vasto. Ha iniziato a studiare Jazz, ha cantato in una big band di 25 elementi. Soul, rock, indie, pop internazionale, elettronica, gli  piace veramente cantare un po’ di tutto. È arrivato ad un bivio nella vita, dopo anni di gavetta sta cercando un modo per svoltare. Anche se non ha mai avuto fiducia nelle trasmissioni come i Talent, pensa che questa sia un’occasione da non perdere. Ha ricominciato a fare dei concorsi. Sta scrivendo un disco ed è ipercritico, sempre alla ricerca della perfezione, non si definisce un super mega appassionato di musica, ma un “fissato”. La musica è l’unico mezzo con cui si sente qualcuno, riesce ad accettarsi e lo aiuta ad essere migliore.

#TVOI

Per la sua Blind Audition canta “Wonderwall” degli Oasis. Si gira Dolcenera. Entra a far parte del #TeamDolcenera.

NOME: FRANK POLUCCI

ETÀ: 34 ANNI

CITTÀ DI PROVENIENZA: GUIDONIA (RM)

PROFESSIONE:  MUSICISTA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*